Strade della rivolta

6082228-grsk-politi-photoshoppede-skader
Solidarietà con gli scioperanti della fame anarchici.
Solidarietà agli arrestati durante i fatti del 6 Dicembre 2014
Ieri, 6 Dicembre 2014, sono compiuti sei anni dal'assassinio a sangue freddo del sedicenne Alexandros Grigoropoulos 
dallo sbirro Korkoneas. Questo anniversario coincide con lo sciopero della fame del ventunenne anarchico  che 
richiede la licenza d'uscita per frequentare i corsi presso un istituto statale di istruzione superiore. Il giorno e la notte 
hanno trovato migliaia di persone che manifestavano per le strade di molte città della Grecia. Dopo la manifestazione pomeridiana 
(eccezionalmente massiccia) nel centro di Atene sono seguiti scontri e combattimenti di molte ore, soprattutto nella zona di Exarchia. 
La polizia ha fatto circa 200 fermi, di cui 43 sono stati convertiti in arresti. Alcune delle persone arrestate sono accusate anche 
di crimini-delitti gravi, e sono ancora detenuti nel palazzo della Direzione Generale di Polizia di Atene. 
Scontri tra anarchici/anti-autoritari e le forze di  ci sono state anche in molte altre città, come Salonicco, 
Patrasso, Volos, Larissa, a Ioannina, Agrinio, Mitilini, Heraklion, Chania, Kalamata e altrove. A Patrasso, ci sono stati sei arresti 
(di cui due pure con accuse di crimini-delitti gravi), a Thessaloniki diciassette, ad Agrinio tre. I fermi, nelle città fuori Atene,
 sono stati circa un centinaio. Ancora una volta, lo Stato ha tentato di scatenare il terrore con l'imposizione del cosiddetto regime 
di "tolleranza zero", caricando i cortei, fermando manifestanti, adossando imputazioni aggravate e vendicative sugli arrestati. 
Ancora una volta, i governanti hanno torto. Non otteranno null'altro con l'imposizione di uno stato polizesco, che diffondere ed 
intensificare ancora di più i focolai di resistenza, in tutto il territorio greco. Il lomo meccanismo di  non fa altro 
che causare l'espansione dei cicli di ribaltamento sovversivo. La speranza si trova nel atteggiamento combattente e intransigente 
degli scioperanti della fame anarchici Nikos Romanos (dal 10/11), Jannis Michailidis (dal 17/11), Andreas Bourzoukos e Dimitris Politis 
(da 1/12). La speranza si trova nelle migliaia di persone che hanno marciato e che manifestano nelle strade di tutto il territorio greco 
contro lo stato e la barbarie capitalista. La speranza si trova nelle di decine di focolai di resistenza creati nei municipi ,
università e camere del lavoro ocuppate/i. La speranza si trova nei quartieri di Istanbul, dove compagni turchi hanno marciato e 
si sono scontrati con la polizia antisommossa locali, per le strade di Ferguson ed ovunque altrove, delle persone si trovano nelle 
strade della Rivolta. 

Gruppo dei Comunisti Libertari, Atene