Anarko streetpunk Torino HC

Inizio’ tutto piu’o meno nel 2000 anche se io e Peo, il bassista, avevamo gia’ suonato insieme, nel 2002 registrammo la prima demo (Veleno) e allora nella formazione c’era ancora Jo dei Gavroche che ancora oggi collabora spesso con noi nelle registrazioni. Le influenze musicali sono sempre state varie e non solo Punk e il nostro legame con i vecchi canti popolari anarchici e’ sempre stato molto forte. Nel 2002 e’ poi arrivata Elisa e la voce femminile ha caratterizzato moltissimo la nostra musica, piu’ che una band diciamo che siamo ormai una strana famiglia! Vediamo la scena musicale attuale, anche se ricca di tecnica e bravura musicale molto staccata dalla vita di tutti i giorni. Noi abbiam sempre suonato boicottando il mondo dello spettacolo tradizionale stando fuori dalle logiche di soldi e di mercato pensando che il messaggio che portiamo non debba essere pagato o perlomeno debba che portiamo avanti da sempre è che debba rimanere in un contesto popolare. Oggi ci pare, che per molte band del nostro genere,l’importante sia suonare a tutti i costi guardando poco come e dove. Arrivando da che reputo una delle capitali del punk-hardcore siamo cresciuti ascoltanto musica, a parer nostro, molto valida sia a livello musicale che come contenuti, basta pensare ai Kina, Negazione, Nerorgasmo, C.O.V e quanti altri, certo il periodo era diverso, i mezzi eran quelli che erano e la spontaneita’ e la genuinita’ davano a quella musica un qualche cosa di unico che ha segnato un’epoca! In passato, quasi solo i posti occupati davano l’opportunita’di suonare alle band underground e spesso furono proprio gli occupanti a formare i primi gruppi, insomma l’esigenza di spazi autogestiti, la voglia di suonare qualcosa di diverso e di creativita’ sociale era un tutt’uno. Devo dire pero’ che in questi ultimi anni abbiamo conosciuto un sacco di nuovi gruppi, anche molto giovani, impegnati sia a livello sociale che musicale, insomma, il punk non e’ morto, è solo cambiato e pensiamo che cosi’ debba essere!! Proprio in questi giorni presentiamo la nostra nuova demo “Sogno Kollettivo”, cinque pezzi che anticipano il cd che vorremmo fare il prossimo anno. La canzone “Sogno Kollettivo parla della repressione che viviamo ogni giorno sul territorio, degli sgomberi e del nostro stretto legame con i posti occupati e con la gente che lavora. Poi c’e’ “Ercole Chiolerio”dedicata a un partigiano delle nostre parti a cui, in un’occupazione che abbiamo fatto, dedicammo la palestra popolare; e tra le altre, abbiamo deciso per festeggiare i nostri 15 anni di rifare il Militante Antifascista a cui e’ legata parte della nostra storia! La nostra vita musicale, come ho gia’ detto,e’ molto legata alla nostra presenza sulle strade. Occupazioni, manifestazioni, iniziative di propaganda antagonista nei paesi dove viviamo costantemente sottomessi dalla mafia capital-cattolica e la Val di Susa che ci ha visti presenti tutte le volte che riuscivamo a esserci. Lo scorso cd lo facemmo col c.s.o.a. Gabrio e la Palestra Popolare D.d.Nanni, un’esperienza molto bella di condivisione tra sport, musica e autogestione. Un altra battaglia che portiamo avanti da sempre e’ quella contro il cattolicesimo, Vatic-Ano facendo propagande pro-sbattezzo e boicottando il bigottismo cattolico nella vita di tutti i giorni, avendo tutti famiglia cerchiamo il piu’ possibile di fare iniziative che coinvolgano tutti. L’arte di strada, le palestre popolari, le lotte per la casa ci hanno fatto crescere sia come militanti che come genitori e liberi pensatori. Per quanto riguarda i nostri progetti futuri sicuramente quest’anno si preannuncia ricco di concerti, il 9 e il 10 gennaio presenteremo il nuovo lavoro con due date in Sardegna e poi ritorneremo a per presentarlo nei posti occupati della citta’ e poi e poi aggiorneremo man mano. Non suoniamo per soldi ma l’unica retribuzione son i rimborsi viaggio si fa’ quel che si puo’. Se in passato ci ha dato un grosso aiuto il csoa Gabrio a produrre il cd per quello nuovo stiamo collaborando con i ragazzi di Rumori in Cantina, etichetta indipendente con cui abbiamo cooprodotto l’ultima demo. I nostri nuovi compagni di battaglia. La nostra idea e’ di coinvolgere nei nostri progetti altre persone che come noi credono che la musica sia di tutti e non un privilegio per pochi, continueremo a suonare nei benefit per carcerati, inguaiati con la legge, amici animalisti che si battono contro lo sfruttamento animale e a fianco di tutti i fratelli che lottano contro il fascismo, il sessismo e il razzismo. Sappiamo che in questo periodo il giornale Umanita’ Nova e’ in difficolta’ e se c’e’ ne sara’ bisogno la ciurma Rankore sara’ al vostro fianco. Vi ringraziamo per l’opportunita’ che ci avete dato di scrivere questo articolo. Un abbraccio e un saluto libertario a tutte le sorelle e fratelli anarchici!..ci si vede per strada!!(Jonny,Ely,el Peo,Dario e Valentino)