ICP: No al taglio del 47% delle ore di lavoro

Nel mese di giugno è stata indetta la gara dall’ICP per l’appalto delle pulizie ai Poliambulatori e all’ospedale di Sesto San Giovanni.

La gara era basata sui migliori progetti e prevedeva l’inserimento di alcune attività aggiuntive, quindi nuovi lavori che in parte avrebbero sostituito alcune attività precedentemente svolte.

La gara è stata vinta dalla Colser di Parma che ha stipulato con Cgil-Cisl-Uil un contratto di passaggio d’appalto con il taglio medio del 47% delle ore, con la motivazione che, non conoscendo l’appalto, il monte ore esatto su cui impiegare i lavoratori sarebbe stato definito l’azienda dopo una verifica dei suoi tecnici.

Una cambiale in bianco, firmata tranquillamente dai confederali, dietro la promessa che nel frattempo i lavoratori avrebbero continuato a lavorare con lo stesso orario a luglio ed agosto, a settembre avrebbero avuto gli orari definitivi la cui durata veniva rimessa sostanzialmente al buon cuore della Colser.

Ovviamente Cil-Cisl-Uil si guardavano bene dal comunicare ai lavoratori quello che avevano combinato, per cui gli stessi hanno scoperto il tutto quando sono stati chiamati a firmare i contratti e la Colser ha avuto buon gioco a metterli con le spalle al muro dicendo loro che se non firmavano non avrebbero più lavorato e sarebbero stati sostituiti.

Un gruppo di lavoratori si è rivolto alla CUB per cercare di recuperare le ore perse.
Quello che è accaduto è una vergogna!! E’ un imbroglio, perché la riduzione delle ore non è giustificata dal capitolato, si tratta di una prepotenza nei confronti dei lavoratori fatta con complicità di Cgil-Cisl-Uil.

Chiediamo alla Direzione Sanitaria dell’ICP, coinvolta in questa vicenda come appaltante, un intervento immediato per mettere fine a questo sopruso fatto sulle spalle dei più deboli che già hanno stipendi da fame!!

Per protestare contro questa ingiustizia terremo un presidio PRESSO L’OSPEDALE DI SESTO SAN GIOVANNI IL GIORNO 15 LUGLIO DALLE 7,30

FLAICA-Uniti Federazione Lavoratori Agro-Industria Commercio e Affini Uniti

Confederazione Unitaria di Base