Prove di nazi-leghismo‭

Messe da parte le ridicole mitologie celtiche e la secessione del nord,‭ ‬fumo negli occhi per le torme leghiste durante il periodo Bossiano della ,‭ ‬il nuovo corso di si caratterizza per una virata verso la destra più becera e razzista nel tentativo di seguire le orme del Front National di Marine Le Pen,‭ ‬ma senza che,‭ ‬per il momento,‭ ‬si sia verificata quella travolgente crescita che il suo leader si aspettava.
Nei fatti,‭ ‬la Lega di Salvini è però riuscita a stringere alleanze elettorali con i partitini della destra‭ (‬Fratelli d’Italia ecc.‭) ‬e con Casa Pound,‭ ‬cosa che le ha consentito di raggiungere alcune vittorie locali nelle elezioni comunali della scorsa primavera.
Inoltre,‭ ‬lo spostamento verso posizioni sempre più a destra della Lega sta creando terreno fertile per nuove alleanze che è opportuno non sottostimare‭; ‬con l’avallo leghista,‭ ‬gruppi o addirittura filo nazisti‭ – ‬sotto le consuete mentite spoglie‭ – ‬stanno guadagnando libertà di azione utilizzando come copertura pseudo associazioni culturali o sportive.‭
Una tattica che in è già stata‭ ‬più volte utilizzata in passato,‭ ‬soprattutto in un territorio come il varesotto dove i gruppi neo fascisti camuffati da associazioni culturali,‭ ‬identitarie e pseudo ecologiche prosperano da tempo,‭ ‬seppure in ristretti ambiti locali.‭
In tempi recenti però costoro hanno alzato la testa per crearsi spazi dove la collusione o la poca avvedutezza delle amministrazioni comunali gliene hanno offerto la possibilità.
Ricordiamo infatti il recente convegno nazionale di Casa Pound,‭ ‬svoltosi in quel di Cardano al Campo‭ (‬Va‭) ‬per la dabbenaggine‭ (?) ‬della amministrazione comunale di centro sinistra,‭ ‬per non parlare inoltre del raduno nazionale di Forza Nuova,‭ ‬che viene ormai regolarmente ospitato a Cantù grazie alla gentile ospitalità offerta‭ “‬in nome della libertà di espressione‭” ‬dal comune governato da una lista civica di centro sinistra.
A riprova di come il nuovo corso leghista stia producendo i suoi effetti nefasti ecco l’esempio di ,‭ ‬cittadina di‭ ‬40.000‭ ‬abitanti situata nel basso varesotto dove la Lega,‭ ‬appoggiata da FdI-AN e da due liste civiche minori‭ (‬una delle quali con chiare connotazioni di destra estrema ed identitaria‭)‬,‭ ‬è riuscita,‭ ‬per la prima volta nella storia cittadina,‭ ‬ad esprimere un blocco elettorale che le ha permesso di prevalere nel ballottaggio,‭ ‬superando di poco il Partito Democratico che aveva governato la città dal‭ ‬2010.
Alla fine di settembre si scopre infatti che il Comune ha concesso il suo patrocinio ad un corso di autodifesa per donne che inizierà il prossimo‭ ‬15‭ ‬Novembre e verrà tenuto in una struttura comunale dalla associazione‭ ‬“Wolf of the ring‭” ‬la quale,‭ ‬come denunciato pubblicamente dalle sezioni ANPI di Saronno,‭ ‬Caronno Pertusella e Seprio,‭ ‬è collegata a‭ “‬Lealtà e azione‭” ‬di Milano,‭ ‬ovvero ad un ben noto gruppo politico che è legato agli Hammerskins.
‭ “‬A monte di tutto vi è la comunità degli‭ ‬Hammerskin,‭ ‬diffusa nei diversi Continenti,‭ ‬che si richiama,‭ ‬nei simboli e nell’ideologia,‭ ‬al nazismo e presenta una forte caratterizzazione razzista‭ (‬negli USA è esplicito il richiamo al Ku Klux Klan‭) – ‬si legge nel documento dell’ANPI‭“‬.
Le tre sezioni ANPI hanno chiesto ufficialmente al Comune di revocare il patrocinio,‭ ‬ricevendo in prima battuta una risposta non da parte del sindaco Alessandro Fagioli,‭ ‬bensì dal capogruppo della Lega nel Consiglio comunale:‭ ‬richiesta non accolta in quanto si tratta di una associazione sportiva regolarmente iscritta al CONI,‭ ‬come se l’appartenenza al CONI costituisse di per sé un più che sufficiente lasciapassare.
In particolare,‭ “ … ‬L’attività amministrativa del Comune non si può basare su scelte politiche di parte,‭ ‬perchè seguiamo il principio costituzionale della Libertà di opinione.‭ ‬Il Comune non può sostituirsi all’autorità giudiziaria per dichiarare senza un processo che un’associazione sportiva sia colpevole addirittura di rifondare il partito nazionale fascista.‭ ‬Il Comune non è asservito a un’ideologia di Partito,‭ ‬come altri sono abituati a fare.‭ ‬Il Comune non favorisce nè le associazioni di sinistra nè quelle di destra.‭”
E,‭ ‬dulcis in fundo:
‭“‬Sono passati‭ ‬70‭ ‬anni dalla fine della guerra,‭ ‬ma non c’è ancora pace tra gli opposti estremismi di destra e di sinistra.‭ ‬Questa guerra intestina tra opposte ideologie dilania le nostre comunità locali facendo litigare le famiglie tra loro,‭ ‬i genitori contro i figli e viceversa.‭ ‬Non ci può essere pace,‭ ‬né progresso,‭ ‬né benessere fintanto che le nostre comunità sono divise al proprio interno e gli interessi ideologici di partito prevalgono sul benessere della comunità locale.‭ ‬La Lega Nord vuole ristabilire quella‭ ‬Pace Sociale che nel nostro paese manca da sempre‭”‬.
In poche parole,‭ ‬il consueto ciarpame che tenta di giustificare un atteggiamento pienamente connivente e che è stato poi ripreso successivamente dagli altri esponenti della maggioranza nel Consiglio comunale:‭ “‬Si tratta solo di una manifestazione sportiva‭”‬.
Se quella che dovrebbe iniziare il‭ ‬15‭ ‬novembre viene spacciata come una semplice manifestazione sportiva,‭ ‬non poteva certo mancare anche il lato diciamo così‭ “‬culturale‭” ‬della vicenda,‭ ‬che affronta un tema di stringente attualità.
Infatti,‭ ‬in un auditorium comunale il‭ ‬5‭ ‬novembre si è tenuto un convegno intitolato‭ “‬Maschio e femmina li creò,‭ ‬verità e menzogne sull’ideologia gender‭” ‬organizzato da Fratelli d’Italia e‭ … ‬dal‭ “‬Dipartimento famiglia Bran.co Onlus‭”‬,‭ ‬proprio quella associazione Bran.co‭ (‬Branca Comunitaria Onlus‭) (‬http://www.bran-co.it/‭) ‬che‭ ‬ospita nel suo sito la‭ “‬Wolf of the ring‭” ‬ovvero la associazione curatrice del corso di autodifesa per le donne patrocinato dal Comune di Saronno.
Strane coincidenze‭ ? ‬Apparentamenti del tutto casuali‭ ?
Non crediamo.
Per contrastare l’ennesimo‭ “‬sdoganamento‭” ‬messo in atto dalla Lega e contro la sua‭ “‬pace sociale‭”‬,‭ ‬l’antifascismo saronnese‭ (‬e non solo saronnese‭) ‬si sta organizzando con volantinaggi,‭ ‬una serata cui parteciperà Saverio Ferrari‭ (‬Osservatorio democratico sulle nuove destre‭) ‬e con un presidio/manifestazione che si svolgerà il prossimo‭ ‬15‭ ‬Novembre,‭ ‬in concomitanza con l’inizio della sedicente manifestazione sportiva.
Come inizio,‭ ‬venerdì‭ ‬23‭ ‬ottobre,‭ ‬durante una seduta del consiglio comunale un gruppo di antifascisti ha distribuito volantini sui quali appariva l’immagine di una scatola di fagioli,‭ ‬con l’etichetta verde,‭ ‬con un grande fagiolo con la fascia da sindaco e l’elmetto da nazista ed accanto altri due piccoli fagioli con le svastiche mentre domenica‭ ‬1‭ ‬Novembre un banchetto informativo è stato tenuto nella principale piazza della cittadina.
Aspettiamo il‭ ‬15‭ ‬novembre.

L’osservatore lombardo