Carrara: comunicato di solidarietà con il CSOA “Fòc al Fòc”

Comunicato di Solidarietà con il CSOA “Fóc al Fóc”
Il Gruppo FAI di esprime la propria solidarietà agli occupanti del Centro Sociale “Fóc al Fóc” sgomberati stamani mattina da un ingente schieramento di truppe.
L’Ordinanza di sgombero ancora una volta è a firma Angelo Zubbani, lo stesso Zubbani che il 26 gennaio dello scorso anno firmò lo sgombero della sala della Resistenza del Comune di Carrara ai danni dell’Assemblea Permanente.
Ancora una volta il sindaco risponde alle esigenze della popolazione con un dispiegamento sproporzionato di forze, teniamo a precisare che al momento dello sgombero il centro sociale era vuoto!
Le motivazioni sono le stesse, ridicole, di paventati e non meglio specificati problemi igenico-sanitari e di ordine pubblico.
Vorremmo ricordare al signor sindaco che l’area “occupata abusivamente” è nel degrado e nell’abbandono più totale da parte della proprietà da numerosi anni e solo in questi mesi è stata ripulita e riconsegnata alla collettività ad opera proprio degli “abusivi occupanti” che senza spendere un centesimo di denaro pubblico si sono rimboccati le maniche e hanno ripulito e reso fruibile l’immobile in questione.
Ricordiamo al signor sindaco in questo momento preoccupato perché “gli occupanti potrebbero aver realizzato lavori di muratura in modo assolutamente arbitrario con potenziale pregiudizio alla stabilità dell’immobile” che proprio lui ha permesso lo scempio del Politeama con risultati che sono sotto gli occhi di tutti.
Ma evidentemente ancora una volta, per il signor sindaco gli interessi di un qualche industrialotto o baronetto del marmo sono più importanti del bene collettivo.
A noi pare evidente caro signor sindaco che una volta sgomberato il cervello dalle idee di uguaglianza e di giustizia sociale non rimane che la barbarie.
Perché abbandonare una città al più completo abbandono per interessi di casta altro non è che barbarie.
Fóc al Fóc!
Gruppo Germinal FAI, Carrara