DSC09689-300x201

No Tav. Arresti, perquisizioni, obblighi di firma (aggiornato al 24/06)

DSC09689-300x201Questa mattina tra e la è scattata una nuova operazione repressiva nei confronti di 23 . Due sono stati tradotti in carcere, a nove sono stati imposti gli arresti domiciliari, agli altri l’obbligo di firma.
Nel mirino della magistratura è finita la manifestazione No Tav dello scorso 28 giugno, quando un corteo partito da Exilles provò per due volte a spezzare i blocchi di accesso a via dell’Avanà. La prima volta scendendo verso i cancelli prima del ponte sulla Dora sulla statale 24, senza riuscire e buttare giù i jersey, ma guadagnando lacrimogeni a pioggia. Un secondo tentativo di forzare i blocchi, piazzati prima del ponte della Dora in fondo a via Roma ebbe miglior successo: i jersey vennero abbattuti, ma i carabinieri caricarono e nuovamente vi fu un impiego ancor più massiccio di lacrimogeni.
La campagna elettorale è finita. La neosindaca “No Tav” ha già dichiarato di “non poter far nulla per fermare l’opera”. Appendino, la cui elezione è stata salutata con malcelato entusiasmo in vasti settori di movimento, per il momento non ha neppure annunciato il ritiro dall’osservatorio sul Tav, oggi guidato da Foietta. Forse la sindaca pentastellata lo farà in un secondo tempo. Forse.
Si torna alla normalità.

Di seguito uno stralcio dal resoconto che uscì su Umanità Nova e su Anarres

“Il 28 giugno l’alta Val Susa era vestita con i colori dell’estate. Un lungo serpentone è sceso lungo la statale 24 e, senza esitare ha imboccato la provinciale vietata dirigendosi verso i jersey. Le famiglie con bambini, gli anziani, chi non se la sentiva si è fermato al bivio per la Ramat, ma i più sono scesi, chi in prima fila, chi un poco più in là. Quando i primi manifestanti si sono avvicinati, è partito un fitto lancio di lacrimogeni che hanno reso l’aria irrespirabile per un lungo tratto di strada.

Poi il corteo si è ricompattato ed ha guadagnato il centro di , dove ci siamo rifocillati prima di imboccare via Roma, la strada che dal paese scende verso la Dora. Anche via Roma era vietata, anche qui, dopo il ponte, c’erano i jersey. Una lunga battitura, poi i jersey sono venuti giù tra fuochi d’artificio e slogan: la polizia ha sparato grandi quantità di gas nel bosco per investire i manifestanti anche durante la ritirata. Nel frattempo un gruppetto di No Tav ha guadato la Dora ed ha beffato la polizia violando l’area recintata infilandosi tra le vigne.
Il camion con l’amplificazione è stato fermato e due occupanti trattenuti in questura e denunciati, altri due No Tav sarebbero stati denunciati per resistenza aggravata.

I quotidiani del lunedì si sono scatenati, creando ad arte scenari improbabili di Black Bloc che si sarebbero staccati dal corteo, di divisioni tra buoni e cattivi ed altre logore favole. Chi ha coperto il volto voleva solo difendersi da occhi e telecamere della polizia, non dal nostro sguardo solidale, perché la scelta di violare i divieti e abbattere gli ostacoli era stata fatta da tutti noi in assemblea.

Non abbiamo inceppato la macchina dell’occupazione militare che stringe in una morsa un cantiere lontano chilometri. La nostra è stata un’azione simbolica. Un gesto di orgoglio, la dimostrazione pratica, che non ci siamo arresi né spaventati.

Un vero No Tav Pride.”

tratto da anarres

Aggiornamento del 24/06/16 sempre tratto da Anarres

L’ultima operazione repressiva contro i No Tav è scattata martedì scorso. Due arresti, nove persone ai domiciliari, 12 con obbligo di firma quotidiano. Nel mirino la manifestazione popolare del 28 giugno 2015, quando un corteo partito di Exilles, violò i divieti e provò a buttare giù i jersey che chiudevano l’accesso al cancello nei pressi della centrale Iren di Chiomonte.
Al secondo tentativo i jersey vennero giù.

Martedì sera il polivalente di Bussoleno, dove da tempo era prevista un’assemblea popolare, è gremito di solidali, che si stringono ai No Tav colpiti dalla repressione. Quel 28 giugno c’eravamo tutti.
Due No Tav prendono la parola e dicono chiaro che non intendono piegarsi agli ordini della magistratura. Nicoletta annuncia che non andrà a firmare e che non accetterà neppure i domiciliari, perché non vuole che la sua casa si trasformi in prigione.
Poi prende la parola Giuliano del Cels. Lui è evaso dai domiciliari. Sa che verrà arrestato ma ha deciso di non intende cedere.
La loro decisione spinge anche altri alla disobbedienza. Alla fiaccolata che giovedì 23 attraversa il centro di Bussoleno, un altro No Tav, Gianluca, ancora latitante, dichiara che non accetterà i domiciliari a Torino e aspetterà la polizia all’osteria No Tav La Credenza. Anche Eddy è uccel di bosco e invia una lettera al movimento, e dichiara la sua scelta di disobbedire.

Una risposta forte e chiara alla Procura di Torino.

Di seguito la lettera che Giuliano ha letto alla fiaccolata di Bussoleno:
“La misura è colma
Nella volontà di metterci in mezzo alla costruzione del progetto dell’Alta Velocità ci siamo incontrati in tanti.
Iniziare a guardare in modo diverso la terra in cui si vive per capire se le trivelle stanno arrivando.
Alimentare il passaparola, prendere la macchina per riuscire ad accorrere in fretta.
Recuperare del materiale da buttare sulla carreggiata per bloccarla.
Preparare un tè per scaldare la notte tutti insieme.
Prendersi la Maddalena, organizzare collettivamente le giornate e vivere questo spazio rompendo la propria quotidianità.
Non avere paura di difenderlo insieme.
Riscoprire i sentieri e trovare nuove vie per arrivare al cantiere, sperimentare modi diversi per attaccarne le reti.
Stringersi attorno a chi per tutto questo viene punito e non lasciarlo solo.
La lotta qui ha cambiato la vita di molti di noi.
La lotta qui è riuscita a dare molto filo da torcere alla realizzazione dell’opera.
Proprio per questo ci hanno attaccato da più fronti: hanno fatto di un cantiere un fortino, hanno militarizzato la valle, hanno promesso compensazioni e deciso tavoli di trattativa per guadagnarsi gli indecisi; hanno provato a spaventarci con multe, misure cautelari e arresti.
In questo quadro s’inserisce quest’ultima operazione repressiva.
Il 21 giugno la polizia ha bussato alle porte di molti di noi per portare ancora misure cautelari e arresti. In questo momento in cui gli ostacoli fanno faticare la lotta, viene colpita l’ostinazione di 23 persone, qualcuno che in valle ci vive e qualcuno che ha deciso di esserci con costanza.
Se di prima impressione parrebbe che non si siano fatti scrupoli obbligando persino delle signore di settant’anni a presentarsi quotidianamente dai carabinieri e utilizzando misure straordinarie come l’arresto e l’isolamento dopo una perquisizione, in realtà – a ben vedere – c’è la volontà precisa di stroncare la lotta.
Se questa volontà ci è già chiara da tempo, se gli spazi per lottare sono sempre più risicati, se le nostre vite sempre con più facilità sono legate a delle carte di tribunale, è arrivato il momento in cui tutto ciò non si può più accettare.

La misura è colma.

Ecco perché ho deciso di non trasformare la mia casa in prigione, me stesso in carceriere e permettere di essere allontanato dai miei affetti e dalla lotta. Consapevole delle conseguenze di questo gesto e sulla spinta di chi a Torino già ha sperimentato una strada come questa e ha rifiutato le misure cautelari, questa è l’unica scelta che ho sentito di fare.

Una scommessa di chi è stato colpito e di chi in Val di Susa e altrove vorrà vederci un’occasione per rilanciare la nostra forza.

Giuliano,

Cels 23 giugno 2016