Comunicato del Comitato Notubo

no-tuboRiceviamo dal circolo anarchico “Sana Utopia” di Perugia e pubblichiamo.

Di fronte alle nuove scosse sismiche tra Marche e Umbria non è più possibile tacere.
E’ necessario parlare, per tornare a sottolineare la pericolosità delle scelte del e delle Regioni
in relazione alla costruzione del supergasdotto appenninico (rete adriatica o Gasdotto Brindisi
Minerbio). Un enorme tubo, lungo 700 km, con un diametro di mt 1,20 e una pressione di 75 atmosfere
che dovrebbe passare accanto all’abitato di Sulmona, L’Aquila, Barete, poi su per Cittareale, Cascia,
Norcia, Visso, Sellano, Preci, Serravalle in Chienti, Foligno, Colfiorito, Nocera Umbra, Gualdo
Tadino, Gubbio, quindi a Pietralunga, Apecchio, Mercatello, Borgo Pace e Sestino, per passare a
Pennabilli e da lì a Cesena, poi su, in Emilia. Non può sfuggire che l’elenco dei nomi dei luoghi e
delle aree coincide in modo preciso (ed impressionante) con un numero altrettanto preciso di epicentri
di terremoti, più o meno violenti, tutti recentissimi.
In questi giorni vediamo ovunque fagliature e spaccature a vista, con apertura del terreno in superficie,
sconnessione del piano di campagna (una strada può venirsi a trovare divisa in due, con una parte a
decine di cm. più in alto o più in basso dell’altra). Nessuna opera costruita dall’uomo, di nessun
genere, può resistere a tali fenomeni; è noto ed ampiamente riportato in letteratura.
Il 19 Novembre 2015 nel comune di Sestino, ( https://www.youtube.com/watch?v=0DvYb6rPP8w ), in
una zona per fortuna deserta, è bastato un modesto movimento del terreno per far esplodere un
gasdotto (non paragonabile per dimensioni a quello che si vorrebbe realizzare).
La Snam e i Governi si sono incaponiti a voler far passare il super gasdotto proprio nell’area più
pericolosa.
Cosa intendono fare ora i “governatori” di Umbria, Marche e ?
Loro che ci governano, che decidono per noi, che in questi giorni ricevono le attestazioni di
solidarietà per noi sono gli stessi che non hanno minimamente contrastato il progetto del gasdotto,
aprendo di fatto le porte alla costruzione di un “campo minato” sulle nostre esistenze.
Un errore, anche grave, può essere spiegato con un insediamento recente, con l’ ignoranza della realtà
del territorio, delle sue caratteristiche geo-morfologiche, insomma con una sottovalutazione del
problema.
Ora invece vorrebbe dire perseverare nell’errore e sarebbe diabolico dimostrando così l’asservimento
completo dell’establishment politico ai voleri del governo centrale (che ha appena fatto un decreto per
avocare a sé tutte le scelte in materia energetica, hai visto mai che il referendum dovesse andar
male…).
Non sarebbe quindi opportuna una forte correzione di rotta?
Ricostruire le città distrutte inserendo ai loro i piedi questo fortissimo “rischio calcolato” sarebbe una
vera follia visto quanto mostrato in questi giorni.
I governatori dell’Umbria, delle Marche e dell’Abruzzo, chiedano al Presidente del Consiglio Renzi di
fermare ogni procedura autorizzativa rispetto al gasdotto e alla centrale di compressione di Sulmona
dando attuazione alla risoluzione della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati del 26
ottobre 2011, con l’attivazione di un tavolo tecnico-istituzionale.
Questo al fine di individuare una soluzione alternativa, al di fuori della dorsale appenninica, la cui
elevata sismicità – sottolineavano i parlamentari cinque anni fa – mette a rischio la tenuta del
metanodotto e l’incolumità delle persone”.
Distinti Saluti
p. Gruppo d’Intervento Giuridico onlus
Stefano Deliperi
ulteriori informazioni su http://gruppodinterventogiuridicoweb.com

p.Comitato No Tubo
Matteo Ottaviani
ulteriori informazioni su: http://.blogspot.it
p. Mountain Wilderness Umbria Marche
Referente Umbria Cristina Garofalo
Referente Marche Cucchiarini Aldo
ulteriori informazioni su: https://www.facebook.com/mountainwilderness.umbria/?fref=ts