panico-siti-non-responsive

Il corsivo cattivo

panico-siti-non-responsive5 semplici informazione di carattere politico-istituzionale:

– in Italia nessuno vota il presidente del consiglio, nessuno ha mai votato Renzi perchè non si può, come nessuno ha votato i suo 26 predecessori, si votano i partiti e basta e poi l’amministratore delegato se lo trovano tra loro;

– ci sono almeno 43 parlamenti monocamerali e non sono tutti piccoli, incivili e insignificanti, ad esempio le tanto lodate socialdemocrazie del nord Europa come Svezia, Norvegia, Danimarca, finlandia e Islanda hanno una sola camera, poi ci sono comunque stati come il Portogallo o la Croazia, e se è vero che pure il “teribbile sionista” Israele ne ha una, è monocamerale pure il faro del socialismo Cuba o la rep Pop Cinese e ancora l’amatissima Grecia di Tsipras;

– L’inghilterra fa un po’ finta di essere bicamerale, quella dei Lords è un po’ come i nostri parrucconi durante l’naugurazione dell’Anno giudiziario…si vestono chic, si mettono in posa e fan perdere un po’ di tempo per sport;

– il senato schifido con sindaci e consiglieri regionali è una bufalata ma non è che non li vota nessuno, anzi da un punto di vista degli interessi più prossimi ai cittadini sono proprio quelli eletti in modo più “vicino” a loro (che poi sia uno stato in piccolo lo sappiamo);

– le derive autoritarie in Italia ci sono sempre state perché sono parte integrante e consuetudinarie di uno stato, con la più bella o la più brutta in vigore, a meno che qualcuno paventi derive peggiori di stragi di stato (centinaia di morti e migliaia di feriti), smantellamento del welfare, precarizzazione imperante, aziendalizzazione della scuola e della sanità, pestaggi, arresti e torture di massa e omicidi di stato, annientamento delle istanze operaie e studentesche nelle piazze…dicevamo, se qualcuno m’indica una, dico solo una, deriva peggiore di queste si faccia avanti, perché tutto ciò è successo fino’ora e succede ora, adesso, qui non dopo il 4 dicembre.

Salutatemi le “derive autoritarie”.

Obi Uan