La nostra libertà è nella nostra lotta

8th March 2016 Nella lotta per la libertà delle , il dibattito sul  “diritto di voto” risale al XIX secolo, nel momento in cui le campagne per il “diritto di voto” erano al loro apice. Anche se il “diritto universale di voto” è stato imposto come realtà politica dal momento in cui è stato messo in pratica in molte parti del mondo, insieme al sistema occidentale delle “democrazie liberali”, si tratta dell’oggetto di un dibattere  in corso per noi, le donne, che siamo state testimoni che le democrazie liberali non hanno portato ad alcun tipo di “libertà”e che siamo sicure che mai potranno farlo.

Presentare il “diritto di voto” come base della parità tra uomo e donna, intrappolerà la donna in una grande delusione. Come per molti altri soggetti a cui concede diritti e libertà, la democrazia liberale presenta questo come un fatto compiuto, per evitare una discussione approfondita degli aspetti teorici e pratici della materia, e una valutazione delle implementazioni per quanto riguarda le persone che eserciteranno questi “diritti e libertà”. Questa caratteristica della democrazia liberale è legata alla struttura statale, che non lascerà  discutere dei meccanismi politici, economici e sociali e imporrà questi meccanismi sugli individui. Per quanto riguarda coloro che mettono in dubbio questa struttura statale e i suoi meccanismi, sono stati etichettati come oppositori dell’ “uguaglianza tra uomo e donna”.

Le discussioni relative al “diritto di voto” delle donne sono esistite sia in passato, e anche oggi. Osservare le discussioni fatte durante il XIX  secolo nel Nord America geografico, dove queste campagne erano al loro apice, ci permette non solo di vedere il rapporto tra il semplice “diritto di voto” e la lotta della donna, ma anche di riflettere su concetti quali la donna come soggetto politico e l’uguaglianza politica, che sono parte della lotta della donna.

La lotta per il  “diritto di voto”

Il fatto di cui si parla nelle campagne per il “diritto di voto” durante il XIX  secolo in America del Nord, sono le idee che hanno promosso questa domanda politica. Tali campagne erano volte principalmente a potenziare le donne all’interno dell’istituzione tradizionale del  matrimonio. E contrariamente a quanto si potrebbe immaginare, questo movimento era innanzitutto  della classe principalmente media e conservatrice.

Durante il periodo in cui le campagne erano al loro apice, i movimenti conservatori come l’American Temperance Society, Purity League, che pensavano di sbarazzarsi dell’ “eccedenza sociale”, danno alla donna il diritto di voto. In altre parole, l’obiettivo è stato quello di “meglio preservare i valori sociali” e la “purezza sociale”, dando alla donna il diritto di voto. La “donna”, promossa qui per il diritto di voto, è stata promossa attraverso la maternità all’interno della struttura sociale tradizionale.

D’altra parte, il diritto di voto è stato sostenuto anche da persone che hanno pensato che la donna dovesse essere libera dall’oppressione della chiesa e della casa. Tuttavia, ciò che ha permesso al movimento di crescere e di ottenere un ampio sostegno è stato il fatto che le sostenitrici del diritto di voto hanno voluto votare per  farsi ” buone cristiane, casalinghe e cittadine dello Stato”.

In un ambiente politico come questo, la discussione sul “diritto di voto” diventa ancora più importante. Secondo , le campagne sul diritto di voto hanno distratto dalla lotta reale. Ha detto che la lotta di base avrebbe potuto avere fine solo con la riorganizzazione della società nel suo complesso, da parte delle donne che creano una vita libera e significativa per se stesse.

In un’epoca in cui le donne che lottavano si focalizzavano sul “diritto di voto”, le donne anarchiche non solo hanno messo in discussione la struttura dello Stato, ma sono andate oltre, e hanno messo in discussione la struttura sociale della famiglia patriarcale e di genere. Hanno sostenuto che l’oppressione delle donne è sostanzialmente in relazione al sesso ed alla fertilità.Hanno affermato che i fattori sessuali sono stati utilizzati anche accanto a fattori economici, per tenere le donne sotto pressione.

La loro conclusione, che determina il metodo, è che la donna sarà un soggetto politico non attraverso le urne; hanno sostenuto che per divenire un soggetto, aveva bisogno di esistere politicamente, economicamente, psicologicamente e sessualmente, in maniera indipendente dagli uomini e dalle istituzioni a prevalenza maschile.

Essere un soggetto politico

Oggi, l’ordine del giorno del deve essere messo in discussione in relazione alla donna come soggetto politico. Lo sfondo storico del diritto di voto come un “diritto politico guadagnato” deve essere preso in considerazione durante la discussione. Perché spingere la lotta della donna verso l’adesione alle elezioni con l’affermazione che il voto politicizza le donne è un delirio. Questo approccio non può né essere definito come una lotta contro il patriarcato, né permetterà alla donna di fare la sua parte come soggetto politico attraverso il rapporto elettore-eletto nel sistema esistente che perpetua il patriarcato.

L’affermazione che la donna, alla quale non è consentito essere qualcosa al di fuori di un mero “sottotitolo” nella propaganda elettorale, sia un “soggetto politico uguale”, è una grande menzogna. L’attesa di un cambiamento positivo e orientato al risultato, all’interno di un meccanismo politico identificato con il sistema patriarcale, non è realistico.

Il patriarcato è una delle dinamiche costitutive di base nei meccanismi politico-socio-economici in cui viviamo, e determina la società in maniera totale. Opporsi a questa forma di potere è possibile solo attraverso una lotta contro di esso nella sua interezza. Muoversi attraverso i referendum o le elezioni, al fine di essere determinanti sulla organizzazione della struttura economica e politica e sul meccanismo di stato, non darà la possibilità di creare soluzioni durature. La libertà della donna non sarà realizzata da misure temporanee unendo la politica con lo stato.

Se la lotta della donna si rivolge ad un preciso rapporto di dominio e di potere, come possiamo parlare di un soggetto politico in caso di utilizzo delle strutture costruite da questa relazione di potere? Se il patriarcato è una delle dinamiche costitutive di questo sistema, allora opporsi a questa relazione nella sua totalità è possibile solo attraverso una lotta politica.

Nel fare la sua politica, la donna che lotta non cercherà di fare politica “a favore di” donne. L’obiettivo è quello di politicizzare ed organizzare la donna. Non è quello di utilizzare i meccanismi in cui le donne rinunciano alla loro volontà.

L’idea che la gente ha bisogno di avere pari opportunità si basa sulla filosofia politica liberale. E’ questa l’ idea che suggerisce la necessità di modificare la legislazione che vieta la parità di accesso delle donne all’istruzione,ai posti di lavoro e al Parlamento. Questo, infatti, non  mira ad altro che a competere all’interno del sistema esistente. Pensare che uomo e donna potranno mai diventare uguali all’interno di questo meccanismo, è privo di fondamento.

Questo fatto è particolarmente provato nelle democrazie liberali occidentali. “Utili” nel campo del diritto, la votazione e l’occupazione non hanno né cambiato il fatto che le donne siano oppresse, e non hanno causato alcun miglioramento in questo senso. Se il problema chiave è il genere sociale istituzionalizzato, il problema non viene risolto fino a quando queste istituzioni saranno abolite, sarà reso solo invisibile.

Quali sono le donne in attesa del referendum?

Le organizzazioni delle donne hanno già iniziato una campagna per il referendum. Come sta facendo la maggior parte dell’ opposizione sociale … Allora, quali sono le donne in attesa del referendum?

Essi si aspettano di mettere fine alla omissione della donna, alle molestie,agli stupri, alla violenza, alla guerra,ai massacri, all’estorsione di tutti i diritti conquistati dalle donne operaie che stanno lavorando per il salario minimo e l’adeguamento nella lotta sindacale, alla perdita di tutti i diritti conquistati dalle donne , alla dipendenza della vita e del  futuro delle donne da una sola persona, al sistema presidenziale. Ma nessuna di queste aspettative si concluderà con un sì o un no. Nessuno di questi problemi sono il tipo di problemi che possono essere risolti nel lasso di tempo di un referendum. Analogamente, non sarà possibile impedire l’ approfondimento delle problematiche esistenti dicendo sì o no. La ragione è che, in realtà, lo stato richiede autorità, gerarchia, il dominio, l’ingiustizia e la disuguaglianza. Questo è esattamente l’illusione che sarà posseduta da organizzazioni femminili che si stringono intorno alla prossima Giornata internazionale della donna, e anche l’ 8 marzo, che simboleggia dalla lotta, la solidarietà e l’autorganizzazione delle donne, verrà condotto in un “no” discusso nell’agenda  del corrente  referendum.

E ‘evidente che la lotta della donna per la libertà non beneficerà di questa illusione. Al contrario, avrà l’effetto che la donna che pensa di essersi avvicinata al controllo si allontanerà dalla realtà quotidiana. È un’illusione che sarà lei a sbarazzarsi dell’ingiustizia,della detenzione, della povertà e della deprivazione che lei  vive, e le farà avere fiducia nel sistema esistente, perché è “democratico”. La perdita di questa fiducia è inevitabile, anche quando lo Stato mostra la sua immagine più liberale e democratica, quando sarà scossa in poco tempo da parte dell’autorità dello Stato, il dominio e la struttura patriarcale.

La nostra volontà, il desiderio di un mondo giusto e libero senza genere, non potrà essere essere soddisfatta dai meccanismi come le elezioni o i referendum. La nostra libertà e l’indipendenza possono essere realizzati soltanto da noi stessi, come la compagna Emma Goldman ha sottolineato. “In primo luogo, affermando se stessa come una personalità, e in secondo luogo non come una merce di sesso, rifiutando il diritto di chiunque sul proprio corpo; rifiutando di avere figli, a meno che non li si voglia, rifiutando di essere una serva di Dio, dello Stato,della società, del marito,della famiglia, ecc, rendendo la sua vita più semplice, ma più profonda e più ricca. Vale a dire, cercando di imparare il significato e la sostanza della vita in tutte le sue complessità, liberando se stessa dalla paura dell’opinione pubblica e della condanna pubblica. Solo questo, e non il voto, potranno determinare la donna libera “.

Donne anarchiche ()

Traduzione in italiano di (A) For Freedom -Roma