4 novembre antimilitarista

Sabato si è svolto il corteo antimilitarista promosso dall’USI – AIT di con l’adesione della . Una iniziativa che proponiamo tutti gli anni e che ha visto la partecipazione di oltre cento compagni che hanno sfilato con innumerevoli bandiere rossonere per il centro cittadino arrivando in Piazza Prampolini. La manifestazione si è conclusa con i comizi finali tenuti da Lollo e Colby che hanno evidenziato le politiche belliciste del governo italiano e dei suoi interessi nazionali e internazionali economici e militari. Si sono poi esposte le ragioni dell’ storico che ha contrastato le politiche guerrafondaie e repressive a partire dalla prima guerra mondiale per arrivare ai giorni nostri.
Si è poi indicato la forte militarizzazione delle città e dei territori e il pesante aumento delle spese militari che gravano sulle vite dei lavoratori, dei giovani e dei pensionati. Infine si sono toccati i punti classici della battaglia antimilitarista che per essere credibile deve assumere una caratteristica antiautoritaria. Gli anarcosindacalisti e gli anarchici sono impegnati da sempre contro la politica della guerra, delle patrie e degli eserciti che altro non fa che aumentare gerarchie e diseguaglianze sociali. Con questa manifestazione vogliamo ribadire che è possibile e fondamentale opporsi alle politiche belliciste e securitarie costruendo dei percorsi dal basso che possano scuotere e cambiare radicalmente gli assetti societari. L’ Unione Sindacale Italiana di Reggio Emilia e la Federazione Anarchica Reggiana si impegneranno già adesso per il prossimo anno, per costruire una nuova mobilitazione per il 4 novembre 2018.

Usi – Ait Reggio Emilia
FAI – Federazione Anarchica Reggiana
Via Don Minzoni 1/d – Reggio Emilia
https://usireggioemilia.noblogs.org
https://www.facebook.com/usiReggioEmilia/