Lavoratori del tè: i più poveri fra i poveri

Quasi un secolo fa, i lavoratori del di Sylhet lasciarono i loro giardini e iniziarono un viaggio verso le terre di origine: Bihar, Odisha e Assam. Fu una marcia di protesta che chiamarono “Mulluke Cholo” (Torniamo a casa). La protesta era contro le condizioni di lavoro inumane e le torture che subivano per mano dei proprietari britannici.

Questo è avvenuto il 20 maggio 1921.

Da allora, negli ultimi 97 anni, poco è cambiato nelle vite dei lavoratori del tè. Oggi possono a malapena vivere con la paga che guadagnano, molti di loro mangiano la metà del necessario e le loro famiglie si ammassano in piccoli quartieri privi di strutture igienico-sanitarie.

Tutte le loro sofferenze sono legate al magro reddito. È tre volte meno di quanto guadagna giornalmente il lavoratore agricolo medio: 300 Tk.

I lavoratori del tè nel paese hanno da tempo richiesto un aumento per ottenere un reddito alla pari con quello dei lavoratori di altri settori, ma la loro richiesta è rimasta quasi sempre inascoltata.

Cinque anni fa, il loro stipendio giornaliero si attestava intorno ai 55 Tk mentre ne richiedevano 120. Quest’anno, chiedono che il loro reddito venga fissato a 300 Tk.

Mohon Bauri, 43 anni, un lavoratore della coltivazione da tè di Khadimnagor, a Sylhet sadar upazila, ha dichiarato: “Il nostro standard di vita non è migliorato perché riceviamo salari molto bassi”.

“Iniziamo a lavorare nelle coltivazioni da tè fin dall’infanzia, ma ogni mese riceviamo un misero Tk 2.550”, ha detto Koloti Robidas, 46 anni, di una piantagione di Sreemangal a Moulvibazar, mettendo a confrontato il loro reddito con quello di un bracciante agricolo, e illustrando le grandi difficoltà che la famiglia di un lavoratore del tè incontra per riuscire a sopravvivere con un salario così misero.

“Lavoriamo per proteggere l’industria del tè, ma il salario è troppo esiguo per fornire i requisiti minimi per la famiglia”, ha detto Gita Rani Kanu, presidente centrale del Tea Workers Women Forum.

“La maggior parte degli operai del tè sta mangiando solo la metà dei pasti necessari. Difficilmente possiamo soddisfare i nostri bisogni familiari, compresa l’educazione dei bambini”.

“Le compagnie del tè fatturano milioni di takas ogni anno mentre noi viviamo una vita disumana”, ha aggiunto.

Faruqee Mahmud Chowdhury, presidente di Shushasoner Jonno Nagorik (Shujan), sezione di Sylhet, ha fatto osservazioni analoghe a quelle degli operai:
“Un lavoratore di giornata nel settore agricolo ottiene da 200 a 400 Tk – nessuno può immaginare un lavoratore giornaliero che ottiene meno di 200 Tk al giorno”, ha detto.

“Come possono i proprietari delle piantagioni fornire salari così bassi? E non si capisce come il governo possa approvare questo salario”

Radha Moni Munda, sindacalista di Cha Sramik Sangha, di Sylhet, ha dichiarato: “Esigiamo 300 Tk al giorno, insieme a una revisione del salario ogni sei mesi modulata sugli andamenti dell’inflazione”.

“Vogliamo che il governo intervenga e fornisca una soluzione permanente”, ha affermato Makhon Lal Kormokar, presidente del Bangladesh Tea Workers ‘Union.

“Chiediamo un salario fisso settoriale per mantenere uno standard minimo di vita, ombra nei campi, servizi igienici e prestazioni pensionistiche”, ha aggiunto.

Ha inoltre riferito che il mandato dell’ultimo accordo sulla struttura salariale è scaduto nel dicembre 2016, “ma i proprietari non hanno rinnovato l’accordo e stanno ancora pagando 85 Tk al giorno.”

Non solo il salario è basso, ma i lavoratori del tè lo devono anche sudare per tutto il giorno.

Makhon Lal ha detto che un addetto al tè deve raccogliere da 20 a 23 kg di foglie di tè al giorno, lavorando dalle 8:00 alle 17:00, per poter ricevere il suo stipendio giornaliero, e ha richiesto un nuovo accordo salariale.

Shah Alam, vice presidente di Cha Sangshad, l’associazione dei proprietari delle piantagioni del tè, ha dichiarato: “La bozza del nuovo accordo è già stata completata. Ma la discussione deve essere tenuta tra lavoratori e proprietari per fissare il salario finale” e, a suo avviso, i lavoratori non sono interessati a sedersi ad un tavolo per la discussione, altrimenti il problema potrebbe facilmente essere risolto.

Contattato, Makhon Lal ha svelato che il progetto di accordo prevede un aumento del salario a 94 Tk, dichiarando: “non possiamo semplicemente sederci e risolvere la questione; l’importo è ancora troppo piccolo”.

In tempi recenti, i lavoratori del tè hanno osservato una parziale interruzione del lavoro in molte proprietà per tentare di conquistare l’agognato aumento salariale.

Secondo la Tea Workers ‘Union, circa 1,3 lakh (130 mila) lavoratori del tè registrati sono impiegati in 156 piantagioni in tutto il paese.

Il 20 maggio 1921, circa 30.000 lavoratori del tè abbandonarono il loro posto di lavoro nella regione di Sylhet e iniziarono a camminare verso Chandpur Meghna Ghat. Quando arrivarono là, l’allora polizia di Assamese aprì il fuoco contro i manifestanti. Molti operai furono uccisi e i loro corpi furono gettati nel fiume.

Sunil Biswas, presidente del Pathik Theatre di Sylhet, ha narrato l’episodio in una rappresentazione teatrale che è stata mostrata in molti luoghi, incluso Dhaka.

Inoltre, i lavoratori del tè hanno creato quest’anno una semplice installazione chiamata “Mulluk Bhaskorjo”, raffigurante la rivolta, nella piantagione da tè Deondi a Chunarughat upazila di Habiganj.

https://libcom.org/news/tea-workers-poorest-poor-bangladesh-21052018

Traduzione a cura di Andres