Per un cambiamento sociale radicale

Nel sistema statalista e capitalista in , feudalesimo, capitalismo e imperialismo si fondono tutti in un sistema tirannico e barbarico. Ciò che esiste in è un amalgama di sfruttamento e controllo moderni e feudali. Le multinazionali, lo stato neoliberista, la rete di ONG e organizzazioni caritatevoli globaliste, lavorano tutti per garantire lo sfruttamento e il controllo delle masse e delle risorse. Tutte queste istituzioni fanno parte dell’impero globale. Quando serve ai suoi interessi, l’impero globale si fonde e promuove istituzioni e modi di produzione feudali. Quando serve ai suoi interessi, questo impero abbandona i metodi feudali per metodi più moderni. Il tradizionalismo islamico e feudale coesiste parallelamente al capitalismo neoliberale, due facce della stessa medaglia. Il risultato per il popolo del è tremenda sofferenza.

Il Bangladesh è uno dei paesi più densamente popolati e poveri del mondo. Il reddito nazionale lordo pro capite è molto basso, per individuo, a parità di potenza del potere d’acquisto. La maggior parte dei lavoratori del Bangladesh è impegnata in lavori informali a basso reddito con produttività limitata. Il 26% dei suoi 160 milioni di abitanti vive con meno di 2 dollari / 155 taka al giorno. L’ottanta per cento della popolazione vive nelle zone rurali. Sebbene il settore agricolo rappresenti meno del 20% del prodotto interno lordo, il 44% della forza lavoro è impiegata in agricoltura. Le masse soffrono la perdita delle proprie terre. Tra la percentuale più povera della popolazione, quattro su cinque possiedono meno di mezzo ettaro di terra. Molti non possiedono alcuna terra. Il numero dei senza terra e quelli con allevamenti marginali e improduttivi che non possono sostenere le famiglie sono in aumento. Gran parte della popolazione rurale soffre della mancanza di servizi adeguati come istruzione, assistenza sanitaria, strade e infrastrutture, accesso ai mercati, elettricità, acqua pulita e servizi igienici sicuri. Molte persone soffrono di disturbi alimentari e hanno diete malsane. Le donne soffrono soprattutto a causa delle tradizioni feudali che persistono. Gran parte della popolazione urbana soffre degli stessi problemi legati alla grande povertà. Una parte significativa della popolazione rurale e urbana risente dei “disastri naturali” causati dalle infrastrutture e pianificazioni inadeguate. Ciò minaccia gran parte del sostentamento, delle colture, delle case e della salute. I monsoni, le alluvioni, le colate di fango, la siccità colpiscono le masse rurali e urbane. L’erosione e la sovrappopolazione sono anche grandi problemi che minacciano la salute, i mezzi di sostentamento e l’ambiente. Il colera, la dengue e la malaria minacciano la popolazione. La malattia dilaga nelle campagne e nelle baraccopoli. La metà dei bambini nelle zone rurali è cronicamente malnutrita, il 14% soffre di malnutrizione acuta. Il disturbo alimentare è una realtà per il Bangladesh. Il tasso di alfabetizzazione è solo del 65% nella popolazione adulta. La mortalità infantile è più alta in Bangladesh che nella maggior parte dei paesi. Questa è la nostra realtà.
La realtà per il sistema statalista e capitalista è diversa nel cuore dei paesi ricchi: negli Stati Uniti il reddito medio, per qualcuno sopra i 25 anni è di 32.000 dollari / 2.475.200 taka. Le persone in tutti i paesi ricchi hanno una vita relativamente comoda e sicura e il divario tra ricchi e poveri cresce. Nel secolo scorso, la differenza tra i paesi più ricchi e quelli più poveri è passata da 3 a 1 fino a 72 a 1 oggi. Noi lavoriamo, moriamo di fame, mentre loro consumano. Hanno vite sane e lusso, noi viviamo in ambienti tossici. Invece di aiutare a risolvere i problemi di povertà, salute e sottosviluppo, loro spendono denaro in guerre senza fine per assicurarsi che possano continuare a derubare le masse e la Terra. Il loro stomaco è senza fondo. Chiedono di più, di più, di più. Sono cannibali che si nutrono della nostra sofferenza.

Il Bangladesh sta attraversando grandi transizioni. I pensatori anarchici hanno scritto molto tempo fa come l’introduzione dei moderni metodi di produzione spinga i contadini fuori dalle loro terre nelle città. L’agricoltura individuale è sostituita dall’agribusiness delle corporazioni. I cambiamenti nella produzione e l’aumento della popolazione hanno portato all’esodo nelle città. Tuttavia, l’impero non apprezza la sopravvivenza umana. Gli agricoltori che sono spinti verso la città, trovano poco lavoro. Sono costretti a vivere nei bassifondi in continua crescita che si gonfiano di persone in situazioni simili. Altri sono costretti a fuggire dalla terra dove sono nati per trovare lavoro in altri paesi, spesso illegalmente.
Il sistema statalista e capitalista ha introdotto metodi moderni e aggiornati di sfruttamento delle masse e della terra in Bangladesh. Anche se usano ancora tradizionalismo e feudalesimo, diversificano e aggiornano sempre più i loro metodi di controllo. Al momento attuale, c’è un tremendo conflitto tra i capitalisti liberali e gli islamisti in Bangladesh. Lottano su chi può servire meglio i poteri capitalisti. Due cani che si azzuffano tra di loro. Non importa quale vincerà, noi, le masse, perdiamo di sicuro. Non dobbiamo guardare al vecchio mondo per avere risposte. Non dobbiamo guardare al Vecchio Potere. La risposta è dentro di noi, dentro le masse. Sta sorgendo una nuova forza, un nuovo proletariato di tutti i popoli oppressi: rurali e baraccati, contadini e lavoratori, occupati e disoccupati, uomini e donne, vecchi e giovani, dissidenti politici, senzatetto, piccoli proprietari, intellettuali, tutti coloro che soffrono. Noi siamo i veri eroi. Dobbiamo diventare padroni della nostra casa, della nostra terra. Lo stato e il Capitale ci rubano la nostra terra, le nostre risorse, il nostro lavoro, le nostre opportunità, la nostra libertà, la nostra dignità. C’è una cosa che non ruberanno: il nostro futuro. Il futuro è nostro, se combattiamo. Le vite sono nostre, il futuro è nostro. Faremo una rivoluzione totale. Costruiremo il futuro per i nostri figli e per i figli dei nostri figli.

tratto da:

http://libcom.org/library/bangladesh-need-total-social-change

Traduzione a cura di Andres