Rafforziamo la solidarietà Rovesciamo il razzismo e lo sfruttamento

Volantino distribuito ieri a al corteo organizzato dal coord. Fight / Right

La propaganda contro l’immigrazione usata da chi governa è fatta di frasi semplici e violente, sono i vecchi modelli propagandistici fondati sull’idea che le masse sono ignoranti e controllabili. Ma sappiamo bene che chi impone la disoccupazione, lo sfruttamento e la miseria è chi ha governato e chi governa oggi il paese.

Con la strada spianata dal PD di Renzi e di Minniti infatti il nuovo governo Lega – Movimento 5 Stelle guidato da Giuseppe Conte difenderà gli interessi dei potenti, degli industriali, dei capitalisti, dei finanzieri, dei militari. Per questo l’Italia è in guerra in , per questo il governo vuole chiudere i porti a naufraghi e profughi. Perché ci vuole divisi, tra “italiani” e “stranieri” per poterci sfruttare meglio.

Con le dichiarazioni arroganti e aggressive di queste settimane contro Rom, profughi e migranti, il governo Lega-Movimento5Stelle sta preparando le condizioni per imporre nuovi provvedimenti autoritari e razzisti. Una situazione simile fu creata per permettere la stretta autoritaria di Maroni tra 2008 e 2009 che impose i militari nelle strade, i CIE, il reato di clandestinità, e altre misure repressive volte a criminalizzare il dissenso e a spezzare la solidarietà tra gli sfruttati. Questo venne fatto anche attraverso l’imposizione di speciali e specifiche forme di oppressione e sfruttamento per gli “stranieri”. Dopo questi provvedimenti, nel 2011, lo stato italiano bombardò la Libia, dando inizio ad una nuova fase della sua politica coloniale in Africa. Una linea che il PD stando al governo ha proseguito, imponendo i provvedimenti Minniti-Orlando e avviando le nuove missioni militari in Libia, Niger e Tunisia.

Oggi la vicenda è emblematica. Come i governi precedenti in altre occasioni, ad esempio con le navi Cap Anamur (2004) e Pinar (2009), oggi il governo con la ha giocato con la vita delle persone per gestire le trattative con altri stati, e per dimostrare a livello nazionale e internazionale l’approccio militare e autoritario con cui intendono condurre l’attività di governo. Proprio a partire dalla chiusura del governo italiano sulle navi delle si torna a parlare a livello europeo di aprire in Africa centri di identificazione profughi, ciò significherebbe nuovi campi di segregazione ma anche nuove guerre, perché la “lotta ai trafficanti di uomini” non è che un modo per legittimare gli interventi militari degli stati europei in Africa.

Per respingere il del governo, per la libertà di movimento, chiudiamo i CPR e tutti i nuovi campi di concentramento e segregazione! per la solidarietà tra gli sfruttati, prendiamo in mano le nostre vite, lottiamo fianco a fianco per la liberazione sociale.

Collettivo Anarchico Libertario

https://collettivoanarchico.noblogs.org/post/2018/06/20/rafforziamo-la-solidarieta-rovesciamo-il-razzismo-e-lo-sfruttamento/