Lo sguardo della talpa

Sei un figlio di cane

rimbambita come un allocco

inutile come una nutria

scema come un’oca

ubbidiente come un cavallo

muto come un pesce

Sei una troia

un vero stallone

lercio come un topo

brutto come un tacchino

fastidioso come un corvo

gufo del malaugurio

Puzzi come un maiale

schifoso come uno scarafaggio

sei viscida come una lumaca

ignorante come una capra

ti fregano come un pollo

stupido come un asino

grassa come una vacca

Sei peggio di uno squalo

noioso come un pappagallo

cervello da gallina

vigliacco come un coniglio

assomigli a una scimmia

ti comporti da pecora

Quanta “innocente” violenza possono contenere le parole, quante menzogne i termini. L’arroganza di credere di essere superiori solo perché dotati di “” è l’anticamera del lager. La convinzione di esserne i detentori unici e assoluti è la lama della società. Usare, oggettivizzare gli altri per insultare, ferire, denigrare, ghettizzare, depredare, ridicolizzare, isolare, mercificare, ergendosi a viventi degni e legittimi di un mondo abitato da infinite differenze, moltitudini di peculiarità, è l’assoluta e totale visione del dominio. Ancora oggi, forse più di ieri, i termini sono utilizzati e bloccati in visioni miopi e senza sfondo. È un lavoro lungo e paziente ma deve essere affrontato. Martin Luther King disse: “Il giorno che smetteranno di chiamarci negri o di colore e inizieranno a rispettarci chiamandoci neri, non avremo certo vinto la guerra ma sicuramente la battaglia più importante. Quella si.”

Ultimamente si sono riscontrate alcune problematiche all’interno di quello che possiamo considerare il “Movimento libertario” (non è esattamente questo il nome che vorrei dare ma è per renderlo fruibile ed allargato a tutte quelle realtà che lottano contro le discriminazioni). Vignette dove gli altri animali sono considerati nocivi, violenti. Assimilati e paragonati alla repressione, all’ingiustizia, alla violenza di genere. Ecco che il maiale (raffigurato in soggetto predatore) diventa l’involucro delle peggiori nefandezze: il sessismo, il fascismo, il razzismo. Da animale sfruttato si trasforma in feroce esecutore di predominio e intolleranza. L’asino da animale resistente acquista valenza negativa e tesse le lodi di concetti quali: ignoranza, bullismo, superficialità. Il topo si veste della divisa del fascista, dello sporco elevato a pericolosità sociale. E cosi via. In una continua

legittimazione del linguaggio dominante.

Sono solo vignette”, mi dicono. Innocenti e spiritose. Ma anche nell’800 e fino al 1960 esistevano vignette contro i neri, i cinesi, i mongoli, i vietnamiti, gli ebrei, i messicani, le donne, i gay, le trans, i mutilati, etc, etc, etc. (in realtà ancora oggi). Nessuno di loro rideva. Nessuna di loro le riteneva innocenti e spiritose. Vignette che amplificavano le diseguaglianze e moltiplicavano il concetto dell’Io “superiore”. La storia è costellata di disegni-vignette rapide che hanno contribuito al sostentamento della discriminazione. Le vignette, storicamente, sono state tra i tentacoli dell’aspetto generale del linguaggio discriminatorio. Sia da destra che da sinistra.

Spesso sento dire. “Ci sono cose più importanti di una vignetta. Ci sono cose più importanti di un linguaggio ‘specista’, più importanti e più urgenti”. Io mi chiedo: Che cosa è importante? Cosa urgente? Perchè Martin Luther King disse quella frase? Forse non sapeva quali erano le urgenze del movimento di lotta dei neri americani? O le “cose importanti”?. Lo disse perché comprese di quale portata rivoluzionaria può essere il “linguaggio estraneo” (al conflitto). Il linguaggio che include e non esclude. Un linguaggio basato sul rispetto del singolo e della minoranza sfruttata. L’importanza o l’urgenza delle istanze politiche chi la decide? Se da una parte possiamo parlare di soggettività del singolo (io ritengo cosa sia importante o urgente e cosa no), dall’altro lato è verosimile parlare di oggettività nella collettività. Nel secondo caso, sicuramente, ci sono cose più importanti da fare di altre. Il linguaggio verbale rientra nelle istanze urgenti? Certo che si: è il veicolo di qualsiasi approccio politico. Non ci sogneremmo mai di disegnare, oggi, una donna fascista che frusta altre donne. Perché? Come non parleremmo, ad esempio, dei popoli ancestrali del pianeta come di selvaggi sporchi e cattivi. Forse ci sentiremmo spiritosi a disegnare una persona senza gambe intenta a rotolare sull’asfalto per andare a comprare da mangiare? Allora mi chiedo: quanto siamo “simpatici” a utilizzare il maiale, tramutandolo in mostro, per dare forza a un pensiero contro la discriminazione? Eduardo De Filippo direbbe: “non ci azzecca niente”.

Sono le parole che hanno mosso la società dominante nella storia, non le azioni. Quelle sono venute dopo gli “ordini”. Il lavoro non solo è “lungo e paziente” (per dirla alla Malatesta) ma gigantesco. Quante donne danno delle troie ad altre donne? Quanti uomini, per insultare, usano termini “virili”? Quanti e quante si fanno forza con termini difficili e incomprensibili per mettere in difficoltà ed imbarazzo soggetti più fragili? Per dimostrare potere e superiorità intellettuale? Tanti, troppi. Non ho soluzioni, ovviamente, come nessun* di noi. Ma il sentiero è presente da sempre: bisognerebbe solo cominciare a vederne i contorni.

Il termine “discriminazione” non può essere frainteso e non ha certo barriere di specie. Se vogliamo vivere in completa serenità senza diventare a nostra volta discriminati dovremmo contemplare la totalità delle discriminazioni. Il soggetto discriminato diventa la sorella, il fratello. Il corpo “altro” ghettizzato e sfruttato risulta diventare il nostro corpo. Ghettizzato e sfruttato.

Se esiste una società dominante è perché il linguaggio ha contribuito a fondarne le colonne portanti. Destabilizzare e de-costruire il linguaggio può tramutare lo stesso in fuoco e incenerire le stesse colonne. Il “linguaggio”, non si finirà mai di ripeterlo, non è quello dell’umano. Sono infiniti i linguaggi, ma è quello dell’umano che ha creato le discriminazioni. Cominciare a osservare, in punta di piedi, gli altri “modi” di comunicare sarebbe già un passo importante in avanti.

Il movimento dei corpi è linguaggio ancora prima della parola. Dove esiste movimento armonico del corpo non esiste discriminazione. Viviamo in una società di tale violenza nel linguaggio che sembra impossibile porvi rimedio. Nello stesso momento viviamo all’interno della stessa società escludente e non ne siamo affatto contenti. Cominciamo allora a non usare le immagini o la parola per discriminare, cominciamo ad affrontare le istanze urgenti (fascismo in testa) con la consapevolezza che il “linguaggio” è importante. Non si può più giocare. Vedere lo sfruttato nella totalità e non più soltanto nell’aspetto del “corpo”. O la diversità, o la peculiarità o la specie di appartenenza. O la scelta. Per quel maiale, quell’asino, quel topo i fascisti siamo noi. Che sia chiaro questo concetto. Siamo noi i predatori. Come i bianchi lo erano coi neri, gli uomini con le donne, i padri con le figlie, i ricchi con i poveri, i soldati con i civili e così via. In una devastante circoncentrica visione “universale”: quella dello sfruttatore sullo sfruttato. Del privilegio sulla disperazione.

Non esistono a oggi ricette, è vero. Ma iniziare a mettere il sale dove serve, il piatto dividerlo, l’acqua donarla, la sedia cederla, il corpo comprenderlo, la fragilità farla nostra, è un buon inizio. Siamo solo esseri umani, non siamo Dei e non lo saremo mai. Fortunatamente. Io soffro perché le altre soffrono, piango perché gli altri piangono, sono sfruttato perché al fianco ho gli sfruttati. Non mi interessa se hanno due o quattro zampe, orecchie diverse dalle mie, colore della pelle, movimenti altri, linguaggi altri. Mi interessa, invece, la loro appartenenza al mondo degli oppressi. Questo voglio combattere: la discriminazione in base alle “diversità” del soggetto. Il soggetto lapidato e derubato della sua soggettività.

Sono, ad esempio, testimone di slanci coraggiosi di conigli in difesa della propria prole di tale portata da far impallidire generali buffoni di corte. Intuizioni destabilizzanti in movimenti e decisioni rapide in galline da poter affermare con giustezza di non averlo mai riscontrato nei pallidi professori sazi di nozioni. Ho visto mantelli luccicanti al sole in armonie di colori perfetti in maiali liberi, silenzi antichi e colmi di dignità in piccoli pappagalli segregati, corpi di sinuosa autodeterminazione in vacche ribelli, criniere intrise di rivolta in cavalli braccati e derisi, misteriose corde sinfoniche in capre dalle lunghe corna, pecore solitarie seguire i raggi della luna in sentieri inaccessibili imprimendo al terreno nuovi passi di vera indipendenza. Questo sono gli altri animali.

Non è il linguaggio verbale che determina l’appartenenza ma l’autodeterminazione del corpo in funzione della sua libertà. La superiorità non esiste. Esiste invece il mutuo aiuto, lo scambio delicato, il rispetto totale. Non siamo qualcosa di più. Corpi, solo corpi. Osservando la lotta del mulo, schiavo e carico in salite a lui nemiche, ho imparato la ribellione.

Olmo Losca