La morte è nel prato

In ricordo dell’allevatore , ucciso dai gendarmi il 20 maggio 2017: come la cogestione Stato/Sindacati ha industrializzato le campagne e come gli ultimi contadini cercano di resistere sessant’anni dopo l’inizio del processo.

Campi di Partenza

Dopo la seconda guerra mondiale, oltre 2 milioni di contadini riprendono il modello dell’ familiare: diverse generazioni sotto lo stesso tetto, modernizzazione effettiva ma lenta. La storia della industrializzazione delle campagne inizia solo nel 1958, con lo stato gollista che intende integrarle nell’economia capitalista. Lo slogan “Nutri la !” nasconde il fatto che già nel 1948 si è raggiunta l’autosufficienza alimentare ed il grano comincia ad essere esportato.

Un comitato di esperti, presieduto dall’economista liberale Jacques Rueff e da Louis Armand, presidente della Comunità europea dell’energia atomica, emana un rapporto su “la rimozione degli ostacoli all’espansione economica”. Per l’agricoltura, gli obiettivi sono:

  • Diventare esportatrice, ottenendo le valute estere che consentono di ottenere le materie prime industriali.
  • Acquistare trattori, macchine agricole, fertilizzanti, pesticidi per sviluppare l’industria.
  • Dimagrire” massicciamente rovinando le “piccole” fattorie (prezzi bassi, sussidi mirati).
  • Riciclare i contadini in rovina in lavoratori a basso costo per le fabbriche.
  • Contenere le rivendicazioni salariali riducendo il costo della spesa alimentare.

È la scomparsa di un contadino su due che è l’obiettivo: scopo raggiunto nel 2003. Nel linguaggio amministrativo: “Non si può negare che il progresso delle rese agricole tenderà ad accentuare la contrazione della manodopera”.

Per l’attuazione di tale progetto, sono state adottate due leggi di orientamento agricolo (1960, 1962): specializzazione delle colture, meccanizzazione, fertilizzanti chimici, espansione delle superfici gestite da SAFER (società di sviluppo del territorio e insediamento rurale), IVD (Indennità di fine rapporto)… Gli aiuti sono riservati per l’“agricoltura modello” di 2 UTH (unità di lavoro uomo), quindi una coppia.

Negli anni ’90, il modello manterrà solo il “titolare agricolo”, il suo compagno dovrebbe lavorare fuori per compensare il fatto che con l’aumentare del fatturato, le entrate diminuiscono. La legge del 2006 lascia il posto all’“imprenditore”, che valorizza i suoi prodotti sul mercato internazionale, interviene sui “mercati dei futures”, gestisce lo “scambio di carbonio”…

De Gaulle ed i Fratelli JAC

Per rendere accettabile questo “dimagrimento”, è necessario dare agli agricoltori la sensazione di essere gli “attori del cambiamento”: “La politica agricola deve essere istituita in collaborazione con le organizzazioni professionali agricole”. Soprattutto nelle aree di influenza cattolica, il JAC (Gioventù Agricola Cattolica) inquadra i giovani agricoltori “progressisti”. Creata nel 1933, la sua missione è quella di ricristianizzare la campagna ed ha raggiunto 20.000 “jacistes” alla vigilia della guerra.

Il regime di Vichy ispira la Gerarchia cattolica che afferma: “Il ritorno alle tradizioni cristiane, l’identificazione del dovere patriottico e del dovere cristiano, si trovano in armonia con la Rivoluzione Nazionale del maresciallo Pétain”. Il JAC segue la linea scegliendo successivamente come temi annuali: “la Casa”, “Il Lavoro”, “la Patria”.

Alla Liberazione, una “nuova JAC”: l’educazione religiosa sarà accompagnata da una riflessione sul progresso tecnico. Il suo segretario generale, René Colson, è sensibile alle proposte per la “Ricostruzione e modernizzazione della Francia” e pubblica il testo “Motorizzazione e futuro rurale”. Nell’aprile del 1951, scrisse in Témoignage Chrétien: “Ci sono milioni di contadini in eccedenza”. La JAC organizza “settimane rurali” in campagna con interventi di tecnici agricoli e rivenditori di fertilizzanti… Guidati dai “Jacistes”, si moltiplicano i CETA (Centro per gli studi tecnici agricoli) descritti come la “punta avanzata del progresso tecnico in agricoltura (Paul Houée, Le fasi dello sviluppo rurale).

Michel Debatisse, segretario generale della JAC nel 1956, sarà l’architetto della cogestione con lo Stato nel 1958, diventando segretario generale della CNJA (Circolo Nazionale dei Giovani Agricoltori): “Abbiamo usato lo JAC per strutturare la CNJA”. I fondi sono pagati dallo Stato per gli aiuti alla formazione, consentendo a Debatisse di creare l’IFOCAP (Istituto per la formazione dei contadini manager) nel 1959. Il CNJA partecipa a tutte le strutture agricole allo stesso modo della FNSEA (Federazione nazionale dei sindacati degli agricoltori) ed ogni mese ha regolari scambi con quell’Edgar Pisani al quale De Gaulle aveva detto: “Non dimenticare mai che non sei il ministro dell’agricoltura, ma il ministro dell’agricoltura francese”. Più tardi, Pisani farà la sua autocritica: “Ho sbagliato. Per produrre di più a meno prezzo, le tecniche a nostra disposizione ci portano ad alterare o distruggere il capitale naturale ereditato dal passato ed a compromettere il futuro”. Michel Debatisse sarà segretario della FNSEA nel 1971, poi ministro dell’agricoltura nel 1979…

Jerome Laronze, l’Ultimo dei Contadini?

Il 20 maggio 2017 Jérôme Laronze, un allevatore di 38 anni, viene ucciso dai gendarmi. Secondo la testimonianza di un contadino vicino, Hugues Berger: “Siamo stati entrambi oppositori dell’industrializzazione dell’agricoltura. Jerome allevava mucche con i prodotti della fattoria, le nutriva con le piante, non utilizzava né pesticidi né fertilizzanti sintetici”.

Dal 2003, Laronze ha rilevato la fattoria dei suoi genitori ed ha una mandria di circa cento bovini. Come molti, per evitare eccessive scartoffie, Jerome dichiara la nascita dei suoi vitelli una volta all’anno, mentre lo stato impone un termine di 7 giorni dopo ogni nascita.

2014: un controllo del DDPP (Dipartimento per la protezione della popolazione) gli impone la “limitazione dell’attività” (divieto di macellazione e vendita) e quindi inizia una “procedura di smaltimento” in nome del “benessere degli animali”, per aver rifiutato di sostenere i test del DNA che stabiliscono la parentela dei suoi vitelli.

Aprile 2016: Jerome è condannato a tre mesi di carcere con sospensione della pena per aver “maltrattato il suo gregge”: in difficoltà a causa del divieto di vendita, privilegia l’alimentazione della parte della mandria “in regola”.

Giugno 2016: agenti del DDPP, assistiti dai gendarmi, arrivano per controllare l’identificazione degli animali e, mettendoli tra la recinzione e un fiume, fanno impazzire gli animali, molti dei quali affogano.

11 maggio 2017: 3 ufficiali del DDPP e 6 gendarmi, raggiunti dai vigili del fuoco, intervengono per un “censimento a scopo di sequestro. Minacciato di un trattamento psichiatrico obbligatorio psichiatria, Jerome fugge.

Dopo una ricerca di 9 giorni, una pattuglia vede in una strada Jerome, addormentato nella sua auto. Questi mette in moto e cerca di scappare: i gendarmi sparano “nelle ruote” e tre proiettili lo raggiungono…

Sono infuriato con lo stato che sta eliminando gli agricoltori. Spero che la morte e le parole di Jerome portino il mondo agricolo fuori dal suo torpore e riprenda la sua lotta dove Jerome la ha lasciata”, dice Hugues Berger. “L’iper-modernizzazione non porta nulla agli agricoltori, tranne l’umiliazione ed il bullismo. Il mio caso è aneddotico, ma illustra l’ultra-burocratizzazione che porta alla distruzione dei contadini”, aveva detto Jerome Laronze.

Fuori dalle Norme e fuori dal Capitalismo

Lo stato gestisce la rabbia eliminando chi ne è portatore: ospedale psichiatrico o proiettili di gendarmi. Jerome Laronze si è trovato da solo nella sua lotta per la vita. Ora conosciamo i nemici, i dirigenti ed i cogestori amministrativi, industriali o politici della vita rurale. Ci hanno umiliato per generazioni. Ci organizzeremo per cercare di restituire questa vergogna a coloro che vogliono farci soffrire”, dice il Collectif Hors-Norme.

Dalla fine del 2017, una serie di incontri nazionali tra collettivi “fuori norma” provenienti da varie regioni preparano azioni di sostegno durante le ispezioni, curano la redazione di un manuale di auto-difesa, raccolgono testimonianze e dicono: “La proliferazione di norme non ha impedito gli scandali e l’inquinamento Ha incoraggiato la crescente industrializzazione delle fattorie, lasciando agli agricoltori la scelta: indebitarsi, dipendere sempre di più dall’amministrazione o mettere la chiave sotto la porta”.

Un anno dopo la morte di Jérôme Laronze, i collettivi occupano i locali del DDPP di diversi dipartimenti: “Voi immaginate nei vostri uffici che il lavoro della terra sia quello rappresentato a teatro o nei dipinti. Il gregge invece è una vita ma voi non avete remore a distruggerlo perché un documento è stato compilato male.” “Gli standard amministrativi e industriali sono all’origine di quasi tutti i disastri sanitari, ecologici e rurali: esaurimento della diversità di piante e di animali selvatici, concentrazione animale, distruzione dei rapporti uomo / animale, distruzione dell’humus vegetale, degrado della qualità del cibo, standardizzazione dei genotipi”.

Riferendosi agli zadisti, sottolineano l’attuale rischio del ripristino dello “stato di diritto” sulla : “A Notre Dame des Landes come altrove, solo un territorio in lotta può opporsi alla standardizzazione industriale dell’agricoltura. Lo stato non è legittimato ad imporsi come intermediario nelle scelte e nei rapporti della vita comune, poiché ne è il più grande distruttore. I conflitti sono regolati dalle leggi e dal denaro piuttosto che dalle persone coinvolte, impedendoci di capirci e di creare la nostra società”.

Una frase del testo, che possiamo riprendere a nostra volta: “Noi siamo la società, lo stato è il parassita”.

Elan Black

Traduzione di Enrico Voccia

Per ulteriori approfondimenti:

  • Xavier Noulhianne, La Gestione dei Campi – Cronaca di un Allevatore del XXI secolo
  • Yannick Ogor, L’Impossibile Contadino – Storia di lotte
  • Trasmissioni di Radio Libertaire sul sito http://trousnoirs-radio-libertaire.org/: 30 ottobre, 20 novembre, 11 dicembre 2017 con Xavier Noulhianne, 26 marzo 2018 con Yannick Ogor
  • Sito dei collettivi Hors norm: http://luttesagricoles.info/

tratto da Le monde libertaire https://www.monde-libertaire.fr/?article=La_mort_est_dans_le_pre