Contatti

Per scrivere alla redazione:
uenne_redazione@federazioneanarchica.org
per comunicati e/o contributi inviare entro la domenica sera.
I tempi di lavorazione del giornale sono:
il lunedì si impagina, il martedì si stampa, il mercoledì si spedisce, il giovedì arriva ai diffusori.
Per gli abbonati, se sono fortunati, il giornale è disponibile fra il venerdì ed il lunedì successivo.

Per copie saggio, abbonamenti, cambi indirizzo, arretrati:
email: amministrazioneun@federazioneanarchica.org
postali: Cristina Tonsig Casella postale 89 PN centro 33170 Pordenone
Chi volesse diffondere UN, anche poche copie, contatti via mail l’amministrazione.

3 commenti su “Contatti

  1. Nel vostro sito si parla di campagna abbonamenti 2017. Sveglia siamo nel 2018. Aggiornarlo.

  2. Da tempo ormai l’Italia ed il mondo è in preda alla pazzia anti-rotterdianista e crea nuovi mostri. Nessuno risponde dall’alto, dal basso c’è solo cattiveria rappresentativa dell’élite di mercato, che corrompe il sogno di una società giusta e senza regole precostituite. Chi si dichiara anarchico è ormai un fuorilegge, ma sappiamo ormai tutti che non è così e che la paura dell’anarchia è solo popperiana constatazione di protezione degli interessi governativi, contro l’infame popolo irrazionale, che ormai ha tradito ed è vecchio e corrotto. La mafia ha preso il sopravvento, le esaltazioni delle pellicole di regime l’esaltano, così come esaltazione è il suo sporco contrario in uniforme. Io mi ero proposto in modo razionale alla guida del paese Italia, per un cambiamento auto-regolamentativo di ogni individuo, senza armi, senza violenza, senza guerra, senza burocrazia, senza legge, se non quella dell’ideale per un futuro migliore ed ecologico per le future generazioni, per spassarcela prima del tracollo epocale, che sta già avvenendo. Chi uccide la terra, chi la inquina, chi la deturpa è come una madre sterile, come una puttana che non conosce amore e se questa infingardaggine d’ammucchiata di regime prenderà il sopravvento, non ci sarà speranza: ormai siamo tutti come in una galera senza sbarre, impauriti e, come cani bastonati, ringhiamo, anche solo ad una carezza, che ormai ha preso la forma di un manganello grondante di sangue, che non è una carezza, che non lo è mai stata e che mai lo sarà. Compagni anarchici, lavoratori, nella perfetta ignoranza, dal completo oscurantismo in cui ci vogliono tenere ancora e debilitati da alienazioni post-moderne, vi saluto e giuro che se non m’ammazzano, manterrò viva sempre la fiaccola dell’Anarchia, contro la neo-piccola borghesia nascente, contro le mafie, contro le divise, contro gli associazionismi massonici e beceri, contro la chiesa cattolica, contro i fascisti, contro la passata declamazione di regime e questo finto equilibrio che osano chiamare democrazia, che è solo la spartizione delle risorse tra le categorie di cui sopra ed i loro parenti. L’individualista sa colpire ancora! Difendiamoci! Crediamoci! E smettiamola una buona volta di prenderla così palesemente nel culo! Vi saluto dai meandri dell’idea e dell’ideale, contro anche coloro che cercano ancora di capire ed insistono per avere spiegazioni, che non possiamo più dare, che non vogliamo più dare, che non dobbiamo più dare … almeno io non ne voglio più dare ad alcuno, specie a coloro che buttano giù dalle finestre, gente che amava la vita e che era spinta dal bisogno, come tutte le grandi povertà che mutano in atti di sopruso. Contro tutti i padroni, contro tutte le prepotenze, grandi e piccole, contro il Mr. Gillette e le sue lamette, sarò sempre, fino alla morte al fianco dell’anarchia! Addio, sempre mio e sempre Vostro, come un Anarchico allo stato semi-brado: mi hanno scoperto, dunque non mi cercate, troverete solo infami e traditori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.