Processo per gli scontri al Brennero

E’ ricominciato l’11 settembre il processo contro 68 attivisti antirazzisti per gli scontri avvenuti al Brennero il 7 maggio 2016. Per quel giorno alcune realtà anarchiche trentine avevano indetto una manifestazione nazionale contro le frontiere e contro la fortezza Europa (vedi Umanità Nova dell’11 maggio 2016). Il corteo, partecipato da alcune centinaia di persone, è stato oggetto di violente cariche poliziesche che volevano impedire l’occupazione dell’autostrada. Per quegli scontri il PM ha chiesto la spropositata somma di 338 anni di galera (a cui si aggiunge un altro troncone di altri 63 imputat* con accuse minori). Le prossime udienze saranno nel mese di ottobre e probabilmente ci sarà la sentenza di primo grado.

Occorre continuare ad agire contro ogni confine, contro ogni forma di razzismo di stato.

Solidarietà agli imputati e alle imputate.

Un compagno