Tag Archives: lukashenko

Come i bielorussi sono giunti alla ribellione contro la dittatura

Se all’inizio del 2020 aveste chiesto alla gente in Bielorussia quanto tempo rimaneva alla dittatura di Lukashenko, vi avrebbero guardato come un pazzo. In una dittatura che si rispetti, queste domande non si fanno, perché si sa cosa può succedere. E in generale, si dà il caso che il regno del grande leader sia senza tempo. Ma la situazione è cambiata così radicalmente negli ultimi 8 mesi che i bielorussi sono scesi in strada e per la prima volta nella nuova storia della Bielorussia hanno combattuto la polizia in almeno 33 città diverse del Paese.

Oggi i bielorussi si sono svegliati in un nuovo Paese. La gente parla apertamente di odio per il governo e si prepara a un confronto violento con la polizia e lo Stato. Le persone discutono online e praticano metodi di lotta efficaci. Diverse fabbriche sono entrate in sciopero il giorno dopo le elezioni.

E anche se la commissione elettorale riferisce ancora una volta della vittoria del dittatore, obiettivamente parlando, Lukashenko ha perso le elezioni. Ha perso le elezioni non rispetto a un certo candidato, ma di fronte al popolo bielorusso, che ha detto che 26 anni sono stati sufficienti.

Come ha fatto la Bielorussia a trasformarsi da una dittatura stabile, dove vive il popolo più pacifico, in un centro di protesta in Europa?

Crisi economica e politica

Dal punto di vista economico, la Bielorussia non è un paese indipendente. Per molti anni il miracolo economico bielorusso è riuscito a sopravvivere solo a spese del petrolio a basso costo di Putin e dei trasferimenti diretti di denaro dal Cremlino. Nonostante il fatto che Lukashenko e Putin non sono amici, questo schema ha funzionato relativamente a lungo mentre il governo russo faceva il bagno nei soldi del petrolio.

Con il calo del prezzo dell’oro nero, il governo russo si è trovato di fronte alla questione della ridistribuzione delle risorse. I funzionari hanno cominciato a guardare con maggiore attenzione dove il denaro investito stava producendo qualche tipo di risultato. La Bielorussia non ha dato risultati particolari. Contrariamente a tutti gli investimenti, Lukashenko ha esteso la sua presa di potere e ha ostacolato l’integrazione della Bielorussia in Russia – un processo avviato negli anni ’90 durante Eltsin.

L’instabilità di Lukashenko negli ultimi 10 anni ha dimostrato che le autorità russe non possono fare molto affidamento su di lui. La svolta verso l’Occidente nel 2015 ha gettato benzina al fuoco della discordia tra Mosca e Minsk. All’inizio del 2020, Lukashenko si è trovato in una situazione molto difficile. I nuovi contratti per il petrolio e il gas sono diventati molto più difficili da concludere. Le autorità bielorusse volevano almeno alcune concessioni minime, ma la Russia era pronta a dare queste concessioni solo quando fosse stato attivato il progetto dello Unione Statale, con la moneta comune e altri punti per l’assorbimento della Bielorussia da parte della Russia.

Le difficoltà politiche con la Russia portano tradizionalmente a problemi economici nel Paese. Negli ultimi 5 anni Lukashenko ha cercato di neutralizzare questa dipendenza lavorando con l’Occidente, ma le sovvenzioni e i prestiti occidentali non possono tirare da soli l’economia bielorussa. All’inizio del 2020 il rublo bielorusso ha iniziato a crollare pesantemente al confronto con altre valute. Negli ultimi 20 anni, i bielorussi sono riusciti a sopravvivere a diverse ondate di simili crolli, la più grande delle quali nel 2011. La caduta del rublo bielorusso colpisce molti bielorussi provocando tra l’altro il calo dei loro guadagni reali. Inoltre, hanno cominciato a sorgere problemi con il pagamento degli stipendi presso le imprese statali.

Combattere il coronavirus con i trattori

Lukashenko ha spiegato che è a causa di problemi economici che la Bielorussia non può permettersi misure di quarantena contro il coronavirus. Se all’inizio dell’epidemia il dittatore continuava a gridare che i bielorussi avrebbero potuto evitare di essere contagiati con il lavoro nei campi e con la visita alla sauna, un mese dopo ha dovuto ammettere le vere ragioni della mancanza di quarantena.

Il coronvirus si è rivelato una delle sfide più gravi per la dittatura bielorussa,una sfida che ha perso. Invece del tipico populismo e della cura per la propria gente, le autorità hanno lasciato la popolazione a sé stessa.

L’assistenza medica in Bielorussia è nominalmente gratuita, ma molti servizi devono essere pagati, poiché non ci sono abbastanza soldi nel budget statale per i farmaci e le attrezzature mediche. In molti casi è stato impossibile effettuare il test per il coronavirus. Molti non potevano permettersi di stare a casa e sono andati al lavoro. È difficile valutare la reale portata dell’epidemia di Coronavirus in Bielorussia. Lo Stato è l’unica istituzione che ha cifre reali, e queste cifre sono tenute segrete. Inoltre, molti casi di coronavirus sono stati etichettati come polmonite, anche in casi di morte.

Per mantenere l’assistenza medica, le piccole imprese e un gran numero di persone comuni si sono infatti impegnate nel sostegno decentrato del personale medico. Alcuni ristoranti e bar hanno preparato cibo per il personale medico grazie alle donazioni degli abitanti della città. Come in altri Paesi, le iniziative di base hanno prodotto maschere protettive. I tassisti hanno trasportato personale medico gratuitamente.

Qualche mese dopo, molte persone hanno avuto la sensazione che lo Stato le avesse abbandonate. Ma, d’altra parte, c’era un senso di solidarietà, la certezza che i vicini, gli amici e anche gli estranei di Internet non ti avrebbero lasciato nei guai. Questo sentimento ha restituito ai bielorussi l’importanza del pubblico rispetto allo Stato. La solidarietà è diventata non solo una parola, ma una pratica diretta.

E se in molti Paesi che erano sotto l’effetto del coronavirus, con la diminuzione del numero dei contagiati, la solidarietà ha cominciato a diminuire, in Bielorussia le strutture di solidarietà hanno continuato a funzionare anche in altri ambiti. Ad esempio, a giugno, la metà di Minsk ha perso l’accesso all’acqua potabile. E mentre i funzionari hanno insistito sul fatto che non c’era nessun problema con l’acqua, i residenti dei quartieri che ancora avevano accesso all’acqua potabile stavano organizzando e consegnando l’acqua alle parti più bisognose della città.

Così, uno dei risultati più importanti del coronavirus (l’epidemia non è finita nel Paese) è stata la crescente consapevolezza della forza collettiva e dei risultati che possono essere raggiunti attraverso azioni congiunte.

Elezioni durante il virus

Per Lukashenko è stato un errore decidere di annunciare le elezioni in mezzo al coronavirus: all’inizio di maggio hanno annunciato che le elezioni si sarebbero tenute ad agosto. È stato scelto il momento di massima insoddisfazione verso le autorità. Grazie a questo, le campagne elettorali dei suoi oppositori hanno letteralmente iniziato a guadagnare un enorme sostegno fin dai primi giorni. Uno dei candidati presidenziali, il blogger Sergei Tikhanovsky, ha iniziato a tenere comizi con microfono aperto nei luoghi di raccolta delle firme. Questa nuova modalità ha attirato un numero enorme di persone in tutto il Paese, a cui è stata data una piattaforma per esprimere il loro malcontento. Qualche settimana dopo, lo stesso Tikhanovsky e molti altri importanti politici dell’opposizione sono stati arrestati e accusati in cause penali molto complesse.

Invece di spegnere la protesta e l’insoddisfazione verso le autorità, la repressione ha provocato un’organizzazione ancora maggiore attorno a un altro candidato – il banchiere di Belgazprombank (figlia di Gazprom) Viktor Babariko. A differenza di altri candidati, Babariko non era impegnato in una lotta politica e per molti sembrava un candidato “moderato” che chiedeva elezioni eque e non pianificava manifestazioni illegali in tutto il Paese. Nonostante ciò, la popolarità di Babariko cresceva anche tra la parte più moderata della popolazione.

Di conseguenza, le autorità hanno deciso di arrestare Babariko e la sua cerchia ristretta con l’accusa di corruzione. Questo passo ha provocato un’altra ondata di malcontento, la cui fase finale fu l’annuncio che i due maggiori candidati dell’opposizione non sarebbero stati registrati nella corsa alla presidenza. Questa decisione ha portato a grandi proteste in tutto il Paese con i primi scontri con la polizia di Minsk: i manifestanti hanno respinto gli arresti e hanno visto che l’OMON [squadre speciali della polizia] era assolutamente impreparata a un confronto violento con la popolazione.

Gli scontri con la polizia antisommossa nel luglio di quest’anno sono stati un punto di svolta per molti nella società. La dittatura, che per 26 anni era stata costruita in parte sulla sua indistruttibilità grazie al sostegno delle forze di sicurezza, è stata improvvisamente estremamente fragile. I video della confusa polizia antisommossa OMON si sono diffusi rapidamente su Internet e hanno mostrato che non è necessario allenarsi per 3 anni nei campi in Russia o nell’UE per combattere la polizia.

Lukashenko non ha negato la registrazione come candidato a uno soltanto tra i seri avversari, la moglie di Sergei Tikhanovsky, Svetlana Tikhanovskaya. Tikhanovskaya aveva originariamente pianificato di candidarsi alla presidenza per dare voce al marito e agli altri oppositori del regime. Ma dopo che la maggioranza dei politici fu arrestata, lei rimase l’unica candidata intorno alla quale gli elettori potessero unirsi.

Tikhanovskaya non è una politica e non sta cercando di diventarlo. Il requisito principale della sua intera campagna elettorale sono le nuove elezioni. Dice apertamente di non avere progetti e di non voler rimanere al potere. Dopo la vittoria a Lukashenko, ha pianificato di annunciare nuove elezioni eque, che avrebbero dovuto cambiare il Paese.

Una richiesta così semplice ha unito molti gruppi politici. Gli attivisti dello staff dei politici incarcerati sono stati coinvolti nella sua sede elettorale. La stessa campagna elettorale di Tikhanovskaya si è basata molto sull’auto-organizzazione della popolazione in varie parti del Paese. Gli incontri con la candidata sono stati ufficialmente registrati in molti luoghi del Paese dove la candidata stessa non era stata visitata. C’era invece un palco per i discorsi e un microfono aperto. Anche in questo caso, il microfono veniva raramente preso in mano da politici in carriera che temevano rappresaglie, ma piuttosto dalla popolazione attiva e dalle piccole imprese. In alcune città anche gli anarchici hanno parlato sul palco.

La popolarità di Tikhanovskaya è aumentata in poche settimane. A luglio, è riuscita a organizzare uno dei più grandi raduni della storia del Paese – 50.000 persone a Minsk. In altre città, ha radunato da diverse centinaia a 8.000 persone.

Per molto tempo le autorità non hanno preso alcuna misura e hanno permesso alla gente di riunirsi. Forse il ruolo è stato giocato dal sessismo di Lukashenko, che non ha mai ritenuto le donne seri avversari delle autorità. I vertici della squadra di Tikhanovskaya erano donne. Tikhanovskaya è salita sul palco anche con due coordinatrici della sua campagna.

Pochi giorni prima delle elezioni, le autorità sono improvvisamente rinsavite. Invece di vietare i raduni, la decisione è stata quella di fare il gioco sporco – tutte le sedi dichiarate aperte per i raduni hanno cominciato a organizzare eventi governativi. Il divieto di raduno ha provocato un’ondata di malcontento che non si è manifestata in forme di protesta attiva perché mancavano solo pochi giorni alle elezioni.

Allo stesso tempo, durante l’ultima settimana la polizia bielorussa ha iniziato ad arrestare i blogger. Queste tattiche non sono nuove e sono state usate dalle autorità per molti anni – prima di ogni protesta ci sono continue detenzioni di giornalisti e blogger, che possono coprire queste proteste online.

Organizzazione terroristica “Anarchici”

Prima di procedere direttamente al giorno delle elezioni, vorremmo fare una breve introduzione al movimento anarchico in Bielorussia.

Gli anarchici sono riapparsi nel Paese dopo il crollo dell’Unione Sovietica. All’inizio degli anni Novanta, alcuni gruppi hanno dato un contributo significativo alla formazione del movimento operaio e ambientalista. Gli anarchici hanno svolto uno dei ruoli chiave nell’estensione della moratoria sulla costruzione della centrale nucleare bielorussa nel 1999 (nel 2009 anarchici e ambientalisti hanno perso la battaglia).

Durante tutto il periodo della dittatura, gli anarchici sono stati coinvolti nei grandi eventi politici, che si tratti di nuove rielezioni, del movimento contro la costruzione della centrale nucleare o di proteste contro le leggi sui parassiti. E nella maggior parte dei casi, la popolazione ha percepito le proposte anarchiche in modo molto positivo. Forse, da qualche parte non l’ha compresa appieno, ma l’ha accettata.

A partire dal 2013-2014, gli anarchici sono diventati quasi l’unica forza politica ancora impegnata nell’agitazione di strada. La maggior parte dei partiti dell’opposizione hanno smesso di lottare attivamente contro la dittatura dopo Maidan 2014 per paura dell’occupazione russa. Oggi, alcuni politici dell’opposizione si schierano ancora sulla posizione “meglio Lukashenko che Putin”. Una parte dell’opposizione è stata annegata nella repressione. È stato molto più facile farlo, perché la repressione contro i leader avrebbe potuto fermare il movimento.

A causa del loro attivismo, gli anarchici attirano costantemente l’attenzione delle forze dell’ordine. Alcuni attivisti sono ora in prigione per azioni simboliche, altri sono in fuga, ci sono iniziative per aiutare i poveri e un libero mercato anticapitalista [si riferisce al Minsk freemarket, festa dedicata all’economia del dono]. La repressione contro gli anarchici raramente produce il risultato desiderato. I media dell’opposizione ne parlano e quindi attirano di nuovo l’attenzione e l’energia del movimento.

Oggi la popolarità degli anarchici in certi ambienti giovanili è piuttosto alta, perché oltre agli anarchici non ci sono più movimenti politici.

Rielezione

Già prima dell’inizio della campagna elettorale molti si aspettavano grandi proteste in Bielorussia proprio a causa della crisi economica e del coronavirus. Era logico che molti concentrassero i loro sforzi di protesta nel giorno delle elezioni e nei giorni successivi. Per esempio, grandi piattaforme mediatiche nei social network e gruppi telegram hanno chiesto di protestare il giorno delle elezioni diverse settimane prima delle elezioni.

Sia i manifestanti che le autorità si stavano preparando per queste elezioni. Su Internet c’erano immagini di attrezzature militari e di polizia. Lukashenko ha partecipato all’addestramento della polizia antisommossa per disperdere le proteste. Era chiaro che le autorità non avrebbero cercato di abbattere il malcontento, ma piuttosto di esercitare pressioni sulla popolazione con la forza.

Non sorprende che la sera del 9 agosto migliaia di persone siano uscite in tutto il Paese. Solo secondo quanto riferito dalle stesse autorità, le manifestazioni si sono svolte contemporaneamente in 33 città del Paese. Più di 50.000 persone hanno partecipato a quelle manifestazioni. Le manifestazioni più grandi si sono svolte a Brest, Baranavichy e Minsk. Diverse migliaia di persone sono uscite negli altri centri regionali.

Per resistere ai manifestanti di Minsk, sono state raccolte truppe interne e polizia da tutto il paese. Il giorno prima delle elezioni, le colonne dei trasporti si sono spostate dalle regioni a Minsk. Il giorno delle elezioni, la città è stata isolata. Autobus senza targa giravano per la città e arrestavano a caso pedoni o giornalisti. L’accesso a Internet è stato spento o severamente limitato in tutto il paese.

La sera la situazione era radicalmente cambiata. Le folle di persone hanno iniziato a uscire in strada e a muoversi verso il centro. La stessa situazione è stata osservata anche nelle città più piccole del Paese. Verso sera iniziarono i primi scontri con la OMON, mentre la gente cercava di liberare i detenuti.

All’inizio la polizia antisommossa correva in giro per la città con magliette e manganelli senza uniformi speciali. Gli attacchi contro OMON hanno rapidamente reso chiaro che la situazione in quel giorno non sarebbe stata normale, con persone che venivano tirate fuori dalla folla e semplicemente detenute.

Appena un’ora dopo i primi scontri, il centro di Minsk cominciò ad assomigliare ad una zona di combattimento. Granate stordenti ceche, cannoni ad acqua canadesi, MAZ bielorussi – tutti hanno lavorato per disperdere i manifestanti. Per la prima volta nella storia del paese, la gente ha cominciato a erigere barricate e a scontrarsi direttamente con le forze dell’ordine. Un numero enorme di persone è stato liberato dalle mani delle forze dell’ordine di notte in varie parti del paese.

La solidarietà durante le proteste ha dimostrato ancora una volta l’incredibile potere dell’opposizione collettiva alla dittatura. Le folle hanno paralizzato ogni azione di OMON e dei militari, contrariamente a tutti i preparativi. La mancanza di Internet ha giocato solo un fattore negativo per il regime – la gente è scesa in strada per scoprire cosa stava succedendo.

Per due ore nel centro di Minsk e in altre città la gente ha combattuto contro le autorità bielorusse. Hanno combattuto con grande energia, un’energia che avevano risparmiato per tanti anni. Lo scontro riuscito dimostra ancora una volta la fragilità della dittatura bielorussa.

Il movimento stesso oggi non è il tradizionale partito politico che porta i bielorussi verso un futuro luminoso. Le proteste sono organizzate attraverso piattaforme mediatiche e non hanno leader chiari. Gruppi di persone si radunano per le strade e decidono la strada da seguire. La mancanza di un piano chiaro può ostacolare l’efficacia della protesta, ma la mancanza di leader chiari rende impossibile reprimere facilmente.

La repressione di ieri sera è stata brutale. Ci sono state tante vittime. In preda alla rabbia, la polizia antisommossa ha lanciato granate rumorose contro la gente. Almeno una volta un camion della polizia ha speronato una folla nel centro di Minsk e ha ucciso un uomo. Secondo i difensori dei diritti umani, almeno tre persone sono state uccise dal regime quella notte. Il sangue è stato versato per la prima volta, ma la gente non ha intenzione di fermarsi. Il piano è di scendere in strada ogni giorno alle 19:00 prima della caduta della dittatura.

Ci sono appelli sui principali canali telegram per la democrazia diretta nel paese. E anche se alcuni temono che tali appelli esistano a causa di un’incomprensione del concetto, la Bielorussia si è ribellata e molti chiedono la fine della dittatura e l’inizio dell’era della democrazia diretta.

Gruppo Anarchico Pramen

How did the Belarusians come to rebellion against the dictatorship

 

traduzione a cura di DA